Se si accalda rischia la vita, la malattia rara del piccolo Alex: unico caso in Europa

Il bambino di Valbrona protagonista di un documentario

Alex non può sudare, il suo corpo è una macchina che ha un banalissimo ma terribile "difetto". Se Alex si scalda troppo rischia di morire. Questo gli impedisce di avere una vita normale come tutti gli altri coetanei e deve sempre restare in allerta. Sua mamma, ormai, è diventato il suo termometro: deve costantemente assicurarsi che Alex non si "surriscaldi". Non potendo sudare non può disperdere il calore e quindi rischia di morire. Già due volte il piccolo eroe di Valbrona è finito in Coma a causa di questa assurda rarissima malattia denominata XLPDR (una sigla che sta per Disturbo reticolare della pigmentazione legato al cromosoma X).

Il caso di Alex è unico in Italia e in Europa, per questo motivo i medici hanno fatto fatica a diagnosticare questa patologia. La sua storia è diventata un documentario girato dal regista indipendente turco (ma di adozione romana) Kemal Comert. Il film "Pensavo di essere diverso” ha vinto il festival internazionale sulle malattie rare intitolato “Uno sguardo raro”, in programma a Roma, alla Casa del cinema, il 9 e 10 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, continuano a salire i contagi: in Lombardia sono 212

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento