Villa Saporiti chiede i danni a Gianluca Rinaldin

Ieri la giunta dell'amministrazione provinciale si è riunita in via straordinaria per decidere se costituirsi o meno parte civile nel processo che il consigliere regionale Gianluca Rinaldin (Pdl) affronterà a partire da martedì. Rinaldin è stato...

Ieri la giunta dell'amministrazione provinciale si è riunita in via straordinaria per decidere se costituirsi o meno parte civile nel processo che il consigliere regionale Gianluca Rinaldin (Pdl) affronterà a partire da martedì. Rinaldin è stato rinviato a giudizio nell'ambito delle presunte tangenti nel settore turistico del Lago di Como (inchiesta Lake Holidays) con le accuse di corruzione, truffa aggravata, falso e finanziamento illecito ai partiti. La giunta di Villa Saporiti alla fine ha deciso di costituirsi parte civile: hanno votato a favore di questa decisione gli assessori del Pdl Alessandro Fermi, Paolo Mascetti, Simona Saladini, Patrizio Tambini, e i leghisti Pietro Cinquesanti e il presidente della Provincia Leonardo Carioni. Assenti invece Achille Mojoli , Sergio Mina e Ivano Poledrotti, considerati i "fedeli" di Rinaldin.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Drammatica scoperta in Municipio a Como: lago di sangue in un bagno di Palazzo Cernezzi

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento