Il reduce Spallino: "Se c’era una guerra, felice di averla combattuta"

L'ex assessore risponde a Confcommercio sui mutati rapporti con il Comune di Como

Nelle ultime agitate settimane della politica comasca, che spesso si difende chiamando in casa le giunte precedenti, c'è una voce che si è fatta più volte sentire con un misto di orgoglio e ironia. Stiamo parlando di Lorenzo Spallino, al quale, evidentemente certe uscite non piacciono proprio. Dopo il suo intervento a difesa dell'infopoint del Broletto - rottamato dall'ex assessore Simona Rossotti per trasferirlo in piazza Gobetti - questa volta Spallino interviene per rispondere piccato, ma non senza il consueto umorismo, a Confcommercio. Lo spunto arriva in merito ai rapporti con il Comune, che oggi l'associazione di categoria di via Ballarini giudica positivi e non più di guerra come in passato. Di seguito lo scritto intergrale pubblicato da Lorenzo Spallino sul suo Blog. 

«Ieri La Provincia di Como ha dedicato una pagina al sentimento delle associazioni di categoria a proposito dell‘attuale amministrazione, dopo le recenti dimissioni dell’assessore alla cultura. Intervistata, Confcommercio fa sapere, per tramite del suo presidente, che "a parte un po’ di delusione sulla mancata riapertura dei parcheggi a ridosso delle piazze, il dialogo è positivo: non sono più i tempi in cui c’era la guerra con il Comune”. Ossia i tempi in cui è stata ampliata la ZTL, creato piazze, tolto auto dal centro storico, le occupazioni di spazio pubblico sono passate da 1.000 a 3.000 mq, le ospitalità non alberghiere da 3 a 250, è stato approvato (unico in Lombardia) un PGT a consumo di suolo zero e una variante, è stato ospitato Life Electric di Libeskind, il fatturato degli esercizi di somministrazione è salito del 20% ogni anno, il tasso di occupazione degli addetti anche e via dicendo. E sì, c’era proprio la guerra con chi voleva più parcheggi, più consumo di suolo, più auto, più inquinamento, ma soprattutto più status quo. Se c’era una guerra, felice di averla combattuta». 

Poi Spallino aggiunge «Per scongiurare l’acqua limacciosa della memoria, dove tutto ciò che cade si nasconde (Renard), forse è il caso di ridare un’occhiata a questo». Per chi avesse voglia di vederlo, si tratta di "5 anni di Area di Governo del Territorio a Como" sotto la giunta Lucini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento