Mozione del PD contro lo spaccio all'ex Zoo: più illuminazione

Si chiede anche di eliminare la collinetta dei giardini pubblici

Per risolvere i problemi di sicurezza legati allo spaccio di stupefacenti nel parco di via Sant’Elia-via Recchi, più noto come ex Zoo, Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, consiglieri comunali del Pd, propongono al consiglio comunale una mozione che impegni sindaco e Giunta a dotare il parco di una maggiore illuminazione notturna e a eliminare le barriere visuali, anche tramite interventi sulla conformazione del verde e la sua manutenzione, in particolare nell’area del cosiddetto Giardino delle Rose. L’atto verrà depositato lunedì 16 ottobre 2017 e discusso, si augurano i tre consiglieri, alla prima occasione utile in aula.
 
“È notorio che nel parco sovrastante il parcheggio Centro Lago avvengano le attività illecite di spaccio di stupefacenti che alimentano un clima di insicurezza e allarme nella zona – ricordano Fanetti, Lissi e Guarisco –. Il modo di operare degli spacciatori nell’area si avvale degli alberi e dei cespugli dietro i quali si riparano durante le loro attività di smercio o nascondono le dosi di stupefacente”.
 
Ma è anche vero, precisano nella mozione i consiglieri Pd, che l’articolo 4 della Convenzione, sottoscritta dal Comune di Como, che è il concedente, con Parcheggi Italia Spa, che è la concessionaria, in data 15 dicembre 1999, alla voce ‘Utilizzo delle aree’, dice: "La Concessionaria si assume l’onere relativo alla manutenzione ordinaria del giardino pubblico, interessante l’intero appezzamento oggetto di concessione, fatte salve le porzioni interessate dai volumi indispensabili per l’accesso e la fuoriuscita di autovetture, nonché le porzioni strettamente necessarie per l’accesso all’impianto e quelle destinate al traffico veicolare e pedonale, per le quali la concessionaria si assume anche l’onere della straordinaria manutenzione. Il Concedente si riserva, comunque, la facoltà di concedere porzioni del giardino pubblico a terzi su specifiche istanze di utilizzo compatibili con la finalità e la fruibilità del giardino stesso. In tale circostanza il Concedente, qualora la richiesta consistesse nella installazione di manufatti, richiederà parere alla Concessionaria al solo fine di verificare la compatibilità tecnico-statica dell’utilizzo richiesto con il sotterraneo autosilo. L’eventuale porzione di suolo concessa a terzi dal Comune di Como sarà, ai soli fini della manutenzione, sgravata dagli obblighi assunti dalla Concessionaria".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggredita a Bulgarograsso: il drammatico racconto di una donna sfuggita alla furia dell'ex convivente

  • Meteo

    Vento forte su Como e provincia: è allerta

  • Cronaca

    Si fingono tecnici dell'acqua: anziana truffata a Rovellasca

  • Cronaca

    Travolto e ucciso da un treno a Balerna

I più letti della settimana

  • Sesso con ragazzine: arrestato a Como per prostituzione minorile

  • Aggredita a Bulgarograsso: il drammatico racconto di una donna sfuggita alla furia dell'ex convivente

  • Incidente a Tavernerio: 3 feriti

  • Bregnano, morta bambina di due anni

  • L'edicola più antica di Como cerca nuovo gestore

  • Tavernerio, bimbo di un anno soccorso all’asilo

Torna su
QuiComo è in caricamento