Lega in piazza a sostegno del decreto sicurezza. Molteni: "Si vedono già i primi effetti positivi"

A San Fermo escalation di furti. Il sottosegretario all'Interno: "Subito intensificati i controlli"

Lega in via Boldoni

Nicola Molteni, parlamentare comasco della Lega nonché sottosegretario al Ministero dell'Interno, ha partecipato al presidio del Carroccio in via Boldoni organizzato per sostenere l'attività di governo e in particolare quella del vicepremier Matteo Salvini e il "suo" decreto sicurezza. Secondo Molteni gli effetti di tale decreto si stanno già vedendo: "E' già iniziato un piano per rinforzare gli organici delle forze dell'ordine con 140 uomini in più nel nostro territorio". In particolare Molteni ha parlato della situazione dell'escalation di furti a San Fermo della Battaglia: "Il paese già da giovedì è battuto palmo a palmo dalle forze dell'ordine".

Guarda l'intervista a Nicola Molteni

In piazza davanti al gazebo della Lega c'erano anche altri esponenti di spicco e militanti, come il vicesindaco e parlamentare Alessandra Locatelli (donna forte della Lega a Como), il consigliere comunale Fabrizio Turba e il consigliere comunale Andrea Valeri. Proprio nel momento in cui Molteni e gli altri presenziavano al gazebo, in Largo Miglio il centrosinistra comasco era riunito per una conferenza stampa contro il governo.

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento