Fratelli d'Italia chiede di dedicare il consiglio comunale di Como alla lotta al femminicidio

De Santis: "Dare ascolto a chi davvero si occupa di violenza contro le donne ogni giorno"

Il consigliere Sergio De Santis di Fratelli d'Italia

Il consigliere comunale Sergio De Santis, che milita a Como nelle file di Fratelli d'Italia, ha chiesto all'amministrazione di dedicare la seduta consiliare del 25 novembre alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che cade proprio quel lunedì. Non soltanto una dedica nominale, ma la possibilità durante l'assemblea di ascoltare chi nel comune di Como si occupa di questo tema in modo attivo - l'esempio portato dallo stesso consigliere è quello del Centro antiviolenza di Como - telefono donna. Scopo dell'iniziativa proposta da De Santis è quella di avere un quadro completo, esatto per quanto riguarda le cifre, degli interventi, delle situazioni e delle eventuali criticità, nonché ascoltare proposte su come risolverle.

“Il recente anniversario della tragedia alle Foibe, in cui ha perso la vita Norma Cossetto, una giovane italiana d'Istria, Medaglia d'oro al merito civile, e la vicenda di Zina Solonari, giovane moldava uccisa nella bergamasca dal marito italiano, sono unite da un filo rosso sangue, quello della violenza sulle donne al di là del fatto che alla base ci siano motivi politici, razziali, religiosi o passionali. Lo scorso anno – conclude De Santis – su iniziativa di alcune colleghe, concordammo nel dare un’immagine semplice e forte: un segno di rossetto sotto l’occhio. Quest’anno dobbiamo fare un passo in avanti e dare ascolto ed aiuto a chi si occupa di violenza sulle donne tutti i giorni. Confido nella sensibilità del nostro Presidente del Consiglio Comunale, Anna Veronelli e dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Como, Angela Corengia, perché si facciano sostenitori di questa iniziativa verso i colleghi di giunta”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

Torna su
QuiComo è in caricamento