Crisi in Comune, l'assessore Rossotti conferma le dimissioni: "Irrevocabili, avevo perso il sorriso"

"Ancora da definire i tempi col sindaco, ma non torno indietro"

Simona Rossotti sorridente dopo la decisione di lasciare la Giunta

Ha confermato l'addio alla Giunta l'assessore a Cultura, Turismo e Marketing Simona Rossotti. Lo ha fatto mercoledì 6 marzo 2019 davanti ai cronisti ala termine della conferenza stampa di presentazione della tappa comasca del Giro d'Italia.

Dopo le voci che si sono rincorse negli ultimi giorni, Simona Rossotti ha confermato la sua decisione e spiegato i motivi: "Una mattina mi sono svegliata e mi sono resa conto che avevo perso il sorriso e dovevo ritrovarlo". Una decisione irrevocabile, a quanto affermato.

I tempi sono ancora da definirsi: "Stiamo condividendo con il sindaco il percorso d'uscita - ha detto ai microfoni di Quicomo- ma una volta che si sceglie è quello, non si torna indietro".
Poi ha fatto un bilancio del periodo trascorso a Palazzo Cernezzi, a partire dalla questione dello spostamento dell'Infopoint dal Broletto a piazza Gobetti "E' stata una necessità, condivisa con le guide turistiche. Mi sono confrontata con loro, c’erano due straordinarie dipendenti della Provincia che facevano turismo da 20 anni e che, se la struttura fosse rimasta al Broletto, sarebbero finite a timbrare il cartellino in qualche ufficio. Il Broletto era uno spazio non adatto. La scelta di piazza Gobetti ha permesso anche di riqualificare la zona”.

Per quanto riguarda le persone, Rossotti ha raccontato di tanti rapporti e amicizie intense, mentre sul fronte dei rapporti in Giunta ha voluto citare solo Marco Galli, "il più vicino". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso anche a Lecco: non è grave

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento