Como, rottura in maggioranza: l'assessore Locatelli dà le dimissioni, il sindaco le minaccia

Tufano (Forza Italia) va nel gruppo misto

Bufera in maggioranza a Palazzo Cernezzi: l'assessore di Forza Italia Amelia Locatlli si è dimessa nel pomeriggio mentre in serata il consigliere forzista Antonio Tufano ha annunciato di voler confluire nel gruppo misto. Intanto il sindaco Mario Landriscina ha annunciato in aula che "o si ritrova l'equilibrio e si va avanti compatti con una maggioranza solida, o sarò io a dimettermi".
Insomma, la seduta del consiglio comunale di Como di lunedì 12 novembre 2018 ha rispettato le aspettative e si è dimostrata molto movimentata, fino a quando non è mancato il numero legale a causa dell'assenza dei consiglieri di Forza Italia e la seduta è stata chiusa.

Tufano è andato contro il partito sulla questione delle dimissioni degli assessori spiegando che "in una riunione collegiale tra il gruppo di FI, gli assessori, il coordinatore Caprani e il presidente Fermi, si stava discutendo su quali iniziative intraprendere per dare un segnale di discontinuità e di rilancio nell’amministrazione comunale di Como, con prese di posizione forti. A un certo punto Caprani ha presentato un documento già pronto nel quale in sostanza si esprimevano diverse lamentale per poi concludere con la decisione del ritiro della delegazione di giunta e chiedere ai consiglieri di firmarlo". Tufano ha spiegato di averlo firmato a condizione che anche l'assessore Francesco Pettignano si dimettesse e non solo la Locatelli. Ma Pettignano ha ribadito in aula di non voler dare le dimissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel suo intervento in aula Tufano ha concluso: "Se Vogliono togliere la fiducia al sindaco lo facciano in aula, se vogliono rimpastare la giunta, partano dagli assessori esterni, ma non se la prendano con persone perbene che occupano un posto perché eletti dal popolo. Così Forza Italia non rispetta il consenso popolare, si trasforma in un partito nel quale non mi ritrovo più, pertanto nel ribadire la mia fiducia all’assessore Pettignano, all’assessore Locatelli, e al Sindaco, prendo le distanze da questo modo di operare uscendo dal gruppo di Forza Italia e aderendo per il momento al gruppo misto valutando, poi,in base a come si svilupperà questa vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

Torna su
QuiComo è in caricamento