Como Acqua, approvata la fusione: unanimità dei sindaci a Villa Gallia

Nata ufficialmente la nuova società che gestirà il ciclo dell'acqua integrato in provincia di Como

Assemblea Como Acqua a Villa Gallia del novembre 2017

Approvato il progetto di fusione di Como Acqua: giovedì 27 settembre 2018 l'assemblea straordinaria ha votato all'unanimità l'aggregazione di 12 società pubbliche del servizio idrico provinciale. Dopo le varie vicissitudini dei mesi scorsi, la fusione adesso è realtà.

A Villa Gallia numerosi sindaci della Provincia sono stati impegnati nelle assemblee delle 12 società che, dal 1° gennaio 2019, confluiranno in Como Acqua s.r.l., gestore del servizio idrico integrato provinciale.
I Comuni rappresentati sono stati 112 pari al 96% circa del capitale sociale e il voto è stato unanime, espresso alla presenza del notaio prof. Mario Notari di Milano.

“Ho apprezzato la grande partecipazione dei sindaci e il voto unanime espresso – ha commentato il Presidente di Como Acqua Enrico Pezzoli – segno di un positivo interesse dei sindaci a superare l’attuale sistema gestionale e nello stesso tempo uno stimolo per l’attuale Consiglio di Amministrazione a far bene. Inoltre, i sindaci hanno mostrato coesione aldilà delle rispettive appartenenze politiche, valutando la bontà del progetto a beneficio del territorio".

Sempre nella giornata di giovedì si sono svolte le assemblee delle società interessate dalla fusione: Acqua Servizi Idrici Integrati S.r.l. (Tremezzina), Alto Lura S.r.l. (Bulgarograsso), Alto Seveso S.r.l. (Como), Antiga S.p.A. (Cirimido), Colline Comasche S.r.l. (Lurate Caccivio), Livescia S.r.l. (Fino Mornasco), Pragma S.p.A. (Mariano Comense), Service 24 Idrico S.r.l. (Tavernerio) e Sud Seveso Servizi S.p.A. (Carimate) e scissione: Canturina Servizi Territoriali S.p.A. (Cantù), ASIL S.p.A. (Merone) e Valbe Servizi S.p.A. (Mariano Comense).

“Il risultato raggiunto è frutto di un percorso avviato nei mesi scorsi – afferma Enrico Pezzoli - che ha visto la partecipazione delle società nello sviluppo dei progetti di fusione e scissione oltre al proficuo supporto specialistico dell’Advisor che ha guidato l’intera operazione, rappresentato dal prof. Angelo Palma di Como.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La fusione avrà efficacia dal 1° gennaio 2019 in quanto ci saranno alcuni adempimenti procedurali previsti dal codice civile che si concluderanno a dicembre, con la firma dell’atto di fusione da parte di tutti gli amministratori delle società coinvolte. A partire da tale data, Como Acqua subentrerà in pieno diritto in tutto il patrimonio, le attività, le passività, i diritti e gli obblighi di ciascuna delle società incorporande.
“Ci accingiamo ad affrontare un periodo intenso – precisa il presidente di Como Acqua - che dovrà dare forma e sostanza alla società, migliorando il servizio e dare avvio agli investimenti di cui il settore idrico ha così tanto bisogno. Il Consiglio di Amministrazione è già impegnato nello stendere le basi organizzative della società post-fusione – dichiara Enrico Pezzoli – Il Piano industriale è stato approvato e abbiamo avviato una serie di incontri con i responsabili amministrativi e tecnici delle attuali società al, fine di programmare le attività operative e garantire la continuità del servizio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

Torna su
QuiComo è in caricamento