Auto elettriche, una mozione al Pirellone per scoprire dove e quante sono le colonnine per ricaricarle

Il consigliere regionale comasco Raffaele Erba ha chiesto lumi

Un'interrogazione per sollecitare la Giunta regionale a implementare lo sviluppo della mobilità elettrica e diffondere le colonnine di ricarica in modo capillare su tutto il territorio lombardo. L'ha presentata qualche giorno fa Raffaele Erba, consigliere regionale comasco del Movimento 5 Stelle.
L'obiettivo, sottolineato nel testo dell'interrogazione, è anche quello di chiedere ai vertici di Regione Lombardia di tracciare un bilancio sui risultati ottenuti negli ultimi mesi. A preoccupare è l'inerzia della Giunta regionale sebbene un decreto legislativo emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri a febbraio 2018 avesse assegnato quasi 14,5 milioni di euro alla Lombardia per la realizzazione di reti di ricarica pubbliche e private sparse su tutto il territorio. Una scelta, quella di puntare sui veicoli a basso inquinamento, confermata a fine anno dal
Governo che ha deciso di prevedere un bonus fino a 6 mila euro per chi acquisti veicoli elettrici o ibridi. Misure completamente ignorate da Regione Lombardia che non ha previsto agevolazioni integrativi nella sessione di bilancio di fine anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La finalità dell'interrogazione è recuperare le informazioni per fare il punto sulle infrastrutture necessarie per sostenere la mobilità di tipo elettrico – spiega Raffaele Erba, autore dell'interrogazione – Il sospetto è che la Giunta di Regione Lombardia sia indietro con i tempi. Noi oggi non abbiamo una rete omogenea di colonnine. Ci sono alcune zone con bassa densità di reti di ricarica, come per esempio nel Canturino e nella Bassa Comasca. E poi bisognerebbe migliorare l'accessibilità per renderle facilmente fruibili anche ai cittadini che intendono pagare in contanti o con la carta di credito”. Nel documento di attuazione predisposto da Regione Lombardia, l'obiettivo da
raggiungere entro il 2030 è di arrivare almeno al 15% dei veicoli elettrici su quelli circolanti su tutto il territorio lombardo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Tragedia in Valchiavenna, 37enne di Mariano Comense precipita in un dirupo e muore

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento