Circoscrizioni di Como, cosa fare quando saranno abolite?

Cosa succederà quando le circoscrizioni verranno abolite? Una domanda aperta. Per questo Como lancia un dibattito. E’ stato presentato questa mattina alla stampa dagli assessori Maurizio Faverio (Decentramento) e Sergio Gaddi (Servizio...

Cosa succederà quando le circoscrizioni verranno abolite? Una domanda aperta. Per questo Como lancia un dibattito. E’ stato presentato questa mattina alla stampa dagli assessori Maurizio Faverio (Decentramento) e Sergio Gaddi (Servizio Finanziamenti pubblici e comunitari) il convegno “Le forme della partecipazione” che si terrà sabato 29 gennaio a partire dalle 9 a Villa Olmo. I nuovi orizzonti di partecipazione civica, la storia e le prospettive del decentramento amministrativo a Como, le esperienze realizzate in Spagna (con i bilanci partecipativi), in Francia (con il débat public) e in Germania (con le giurie cittadine), sono alcuni dei temi che verranno affrontati nel corso del dibattito.

Non tutto è da buttare - “Questo convegno - spiega l’assessore Sergio Gaddi - nasce nell’ambito di un’esperienza sviluppata grazie ad un finanziamento europeo, il progetto Coopsussi. La partecipazione a questi bandi richiede competenze specifiche e informazioni che stiamo costruendo anche all’interno della nostra amministrazione comunale perché si tratta di un obiettivo strategico”. “A un anno di distanza dalla fine del nostro mandato elettorale - aggiunge il collega Maurizio Faverio - dobbiamo cominciare a ragionare sulla riorganizzazione del decentramento. Nelle città con popolazione inferiore ai 250mila abitanti, infatti, le Circoscrizioni verranno abolite e con le prossime elezioni a Como i parlamentini non esisteranno più. Dobbiamo costruire insieme un modello di partecipazione civica per non disperdere il patrimonio di esperienza e di professionalità costruito in questi anni, confrontarci sulle esperienze già realizzate e valutare insieme il futuro”.

Quanto costano - Le otto circoscrizioni di Como costano alle casse comunali 85mila euro all'anno. E' il costo degli organi amministrativi circoscrizionali, vale a dire i gettoni e gli stipendi dei consiglieri di circoscrizione e dei presidenti.

Cosa fanno all'estero - “Il programma di mandato del sindaco del 2007 - aggiunge Massimo Patrignani, dirigente del settore Decentramento e del settore Servizio Finanziamenti pubblici e comunitari - già prevedeva una riforma delle Circoscrizioni per eliminare le diseconomie e già prevedeva di riconoscere forme alternative di partecipazione civica. Da qui, appunto, la necessità di avviare un dibattito. Nel corso del convegno, al mattino, verranno presentate le esperienze spagnole, francesi e berlinesi; nel pomeriggio seguirà una tavola rotonda che vedrà protagonisti alcuni soggetti del territorio”. Gli atti del convegno saranno poi pubblicati anche sul sito della rivista Strategie amministrative di Anci (Associazione nazionale Comuni Italiani) e sul sito di Coopsussi (dalla home page del sito del Comune www.comune.como.it cliccare sul banner Coopsussi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il programma del convengno - Il 29 gennaio alle ore 9 apertura del Seminario: saluto del Sindaco di Como Stefano Bruni. Ore 9-11 prima Sessione: Il quadro della situazione in ambito politico e giuridico; Assessore al Decentramento Comune di Como Maurizio Faverio “Storia, attualità e prospettive del Decentramento Amministrativo a Como, Professore straordinario di Diritto Amministrativo Università di Salerno Luca De Lucia “Il decentramento comunale nella recente legislazione statale”; Professore Emerito Università di Firenze Umberto Allegretti “Modelli di partecipazione e governance territoriale”; 11 coffe break; 11.15/13.15 Seconda Sessione Esperienze a confronto; Responsabile Ufficio Partecipazione Comune di Modena Valter Canafoglia “Le esperienze di partecipazione in alcuni Comuni italiani”; Istituto de estudios sociales avanzadoz CSIC Cordoba Ernesto Ganuza Fernandez “I bilanci partecipativi in Spagna”; Commission National du Debat Public “L’Esperienza francese del “debat public”; Professore di Sociologia Università di Parigi VIII Yves Sintomer (in videoconferenza) “Giurie cittadine, sorteggio e democrazia partecipativa: l’esperienza berlinese”; 13.15 buffet; 14/16 Terza Sessione Partecipazione, sussidiarietà, cittadinanza attiva Tavola rotonda Stefano Bruni Sindaco di Como, Attilio Fontana Presidente regionale Anci, Tiziana Sala Sindaco di Cantù, Nicoletta Mariolini Municipale di Lugano, Alessandro Mele Fondazione “Cometa”, Danilo Lillia “La città possibile”, Vittorio Villa “Il Sole”, Marco Servettini “L’isola che c’è”, Modera: Anna Campaniello giornalista di Espansione Tv.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

  • Lago di Como, prendono il sole completamente nudi: multati

  • 10 motivi per cui il Lago di Como è il più bello del mondo

Torna su
QuiComo è in caricamento