25mila euro a Cantù contro lo spaccio, Molteni (Lega): "Merito del Governo Salvini"

La cifra, secondo quanto riportato dal parlamentare leghista, deriva dal progetto scuola sicure del precedente governo

È una realtà di fatto che purtroppo nelle scuole, anche a partire da quelle che ospitano i ragazzi più giovani, lo spaccio di droga sia un'attività illecita sempre più frquente. Molti i fatti di cronaca che riportano episodi di compravendita di droghe anche davanti a scuole elementari, in tutta Italia. Grande soddisfazione quindi per il leghista Molteni per i 25mila euro in arrivo nella sua città, Cantù, da parte del Ministero dell'Interno. Questi soldi saranno utilizzati per prevenire e contrastare pusher e spacciatori fuori dalle scuole per la sicurezza dei nostri ragazzi e studenti. «Chiaramente, dichiara Molteni, per compiere questi controlli e monitoraggi c'è bisogno di assumere agenti di polizia locale a tempo determinato, pagare straordinari, acquistare mezzi e attrezzature, promuovere campagne informative e iniziative volte alla prevenzione e al contrasto dello spaccio».

Il deputato leghista tiene a sottolineare come questi soldi derivino ancora da decisioni e iniziative del precedente Governo, ovvero grazie al Fondo sulla sicurezza urbana del Decreto sicurezza 1.  I partiti che sono al Governo adesso sarebbero, per il canturese, più proprnsi alla liberalizzazione e legalizzazione delle droghe leggere. Ma per lui e la Lega non esiste differenza e ribadisce «... siamo orgogliosi e fieri di contrastare e difendere i nostri figli da ogni tipo di droga, senza se e senza mai!».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • A Como arriva Decathlon: ecco come sarà

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Dalla Nasa all’apicoltura: il sogno di due ricercatori comaschi salverà il pianeta

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Pessime condizioni igieniche, la polizia chiude un locale di piazza San Rocco a Como: è la seconda volta

Torna su
QuiComo è in caricamento