Allargamento Ztl, protesta di commercianti e residenti

Commercianti e residenti della zona di piazza Roma, piazza Duomo e portici Plinio si sono presentati ieri sera in consiglio comunale per protestare contro l'annunciato provvedimento di allargamento della Ztl (zona a traffico limitato). Il...

 

Commercianti e residenti della zona di piazza Roma, piazza Duomo e portici Plinio si sono presentati ieri sera in consiglio comunale per protestare contro l'annunciato provvedimento di allargamento della Ztl (zona a traffico limitato). Il provvedimento prevede l'eliminazione dei parcheggi nella zona di piazza Roma e accesso consentito solo ai residenti. Dopo un breve colloquio informale tenuto con il sindaco Mario Lucini fuori da Palazzo Cernezzi, la delegazione di circa venti, costituita da circa una dozzina di commercianti e residenti, hanno ha incontrato il primo cittadino e i consiglieri comunali in Sala Stemmi durante una breve sospensione del consiglio comunale (ieri era in discussione il nuovo regolamento degli asili nido comunali).

Durante le dichiarazioni preliminari, tra l'altro, molti consiglieri di opposizione sono intervenuti proprio per criticare il provvedimento di allargamento della Ztl e per sostenere la protesta di negozianti e residenti.

Molti commercianti hanno lamentato il rischio di disagi e danni alle attività commerciali ma anche alla vivibilità della zona a causa dei tanti parcheggi che verrebbero soppressi. Il sindaco ha ribadito che l'intenzione è quella di adottare il nuovo provvedimento entro la fine di giugno, ma solo dopo che l'amministrazione comunale si sarà confrontata sul tema con i residenti e i commercianti i quali, dal canto loro, hanno chiesto rassicurazioni sul loro coinvolgimento nella decisione finale. In sostanza hanno chiesto di essere interpellati così da fornire i loro suggerimenti, indicazioni e critiche. Lucini ha assicurato che ciò verrà fatto "ma prima dobbiamo predisporre la bozza del provvedimento così avremo qualcosa su cui confrontarci".

Intanto nove consiglieri di minoranza hanno sottoscritto una mozione urgente (che sarà discussa entro venti giorni) presentata da Alessandro Rapinese con la quale si esprime un momentaneo parere negativo all'allargamento della Ztl. La mozione parte dalle premesse che "il sindaco in campagna elettorale ha dichiarato che guardando alle politiche della mobilità comunale il primo atto che occorre fare una volta eletti è quello di mettere mano al piano del traffico e della sosta vecchi più di dieci anni". "Premesso ancora che sembrerebbe che la giunta, senza avere un progetto organico e condiviso - si legge nella mozione - e senza aver messo mano al piano del traffico e della sosta vecchi più di dieci anni, entro giugno intenda ampliare la Ztl, e considerate le nefaste conseguenze che potrebbero scaturire da un provvedimento inorganico e non inserito in un quadro generale" il consiglio comunale "esprime momentaneamente parere negativo in attesa che il sindaco mantenga fede alle dichiarazioni rilasciate in campagna elettorale".

Potrebbe Interessarti

Torna su
QuiComo è in caricamento