"Mio marito non è un criminale, coltiva marijuana per curarsi dal tumore"

Il caso del 50enne di Muggiò finito nei guai perché usa cannabinoidi a scopo terapeutico

Qualche giorno fa, esattamente il 6 dicembre 2017, abbiamo dato conto dell'arresto avvenuto a Como, in via Muggiò, di un uomo di 50 anni trovato in possesso di 4 piante di marijuana. Dietro a questo caso di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti c'è, però, qualcosa di ben diverso da quello che potrebbe apparire come il solito contesto criminoso. A parlare è la moglie dell'uomo arrestato, una donna di 52 anni che, per sua stessa ammissione, fa uso di marijuana come il marito. "Ma solo a scopo terapeutico", ha voluto precisare la donna sulla cui identità manteniamo il riserbo anche e soprattutto in vistù del fatto che la coppia ha un figlio minorenne.

"Mio marito ed io abbiamo avuto in gioventù un passato di tossico dipendenza - ha raccontato la donna - e non voglio dipingerci come santi, ma siamo pienamente usciti dal tunnel della droga e l'uso dei cannabinoidi è solo ed esclusivamente a scopo terapeutico, tanto è vero che abbiamo anche una prescrizione medica per questo tipo di cura". In special modo nel caso dell'uomo ad affliggerlo ci sarebbe una grave malattia, niente meno che il linfoma di hodgkin, neoplasia che colpisce le ghiandole linfatiche.

"La nostra scelta è stata quella di coltivare la marijuana - ha voluto aggiungere la donna - per non doverla acquistare sul mercato nero con il rischio non solo di alimentare la criminalità vera ma anche di trovare marijuana di pessima qualità e a prezzi elevati. Se per una persona a detta di un medico è opportuna la terapia con cannabinoidi ma lo Stato non consente di farne uso, cosa dovrebbe fare quella persona? Mio marito è stato fatto passare come criminale ma nella marijuana cerca solo una cura e del sollievo dalle sue malattie gravi. Lui era già agli arresti domiciliari per lo stesso motivo, non era un segreto che colivasse la canapa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Drammatica scoperta in Municipio a Como: lago di sangue in un bagno di Palazzo Cernezzi

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Droga e mitragliatrici: maxi arresto della Procura di Como

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Matteo vende la Tigella Bella, il take away numero uno a Como

Torna su
QuiComo è in caricamento