Cinture di sicurezza: tutto quello che c’è da sapere

Tutto quello occorre conoscere sulle cinture di sicurezza: obblighi, multe, sedili posteriori e bambini

Cinture di sicurezza

Le cinture di sicurezza con gli airbag, sono i principali dispositivi di protezione presenti nell’auto in caso di incidente. Le cinture, come noto, trattengono il corpo in caso di urto, evitando l'impatto contro le strutture interne dell’auto e la proiezione fuori dall'abitacolo.

Brevettate dal canadese Gustave Desirè Lebeau nel 1903, le più utilizzate nelle nostre auto sono quelle a 3 punti formate da varie parti tra cui:

- cinghie
- riavvolgitore
- ancoraggi
- regolatore in altezza
- pretensionatore, utile a bloccare il corpo dell'occupante sul sedile in posizione corretta in caso d'incidente

Obbligo e multe cinture di sicurezza

Il loro utilizzo è obbligatorio alla guida di qualsiasi autovettura e per tutti gli occupanti del veicolo, anche per i sedili posteriori. I trasgressori, sia i guidatori sia i passeggeri, rischiano una sanzione amministrativa che va dagli 80 ai 323 euro. Inoltre se a viaggiare senza cintura è il conducente, oltre alla multa egli avrà una decurtazione di 5 punti dalla patente. Se il passeggero è minorenne, la multa è a carico del conducente. Infine se il guidatore è recidivo scatta in automatico la sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi. 

Esenzioni cinture di sicurezza

Sono esentati dall'obbligo di uso delle cinture di sicurezza alcune categorie:

- gli appartenenti alle forze di polizia 
- i conducenti e gli addetti dei veicoli del servizio antincendio e sanitario in caso di intervento di emergenza
- i conducenti dei veicoli per la raccolta e per il trasporto di rifiuti 
- gli appartenenti ai servizi di vigilanza privata, regolarmente riconosciuti, che effettuano scorte
- gli istruttori di guida 
 - le persone che risultino, sulla base di certificazione rilasciata dall'unità sanitaria locale, affette da patologie particolari o che presentino condizioni fisiche che costituiscono controindicazione specifica all'uso dei dispositivi di ritenuta
- le donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo 
- i passeggeri dei veicoli autorizzati al trasporto di passeggeri in piedi ed adibiti al trasporto locale e che circolano in zona urbana
- gli appartenenti alle forze armate in situazioni di emergenza

Bambini e cinture di sicurezza

Il trasporto dei bambini sui veicoli è regolato dall'art. 172 del Codice della Strada. Questo prevede che i passeggeri di età inferiore ai 12 anni e di altezza inferiore a 1,50 m siano agganciati ad un sistema di ritenuta omologato, adatto al loro peso e alla loro statura. L'obbligo di utilizzare questi sistemi cessa quando il bambino compie i 12 anni o quando supera il metro e mezzo di altezza, da quel momento in poi è possibile utilizzare le cinture di sicurezza normali.

Trasporto cani: cinture di sicurezza

Ricordiamo, infine, che è possibile trasportare il nostro cane in auto utilizzando anche un’apposita cintura di sicurezza omologata. Sul mercato ne esistono di diverse taglie, per accontentare qualsiasi stazza; cinture dotate di chiusure universali per adattarsi ad ogni tipologia di veicolo.

Cinture di sicurezza: gli accessori più venduti sul web

Imbottiture per cinture di sicurezza

Cuscino cintura d sicurezza per bambini

Cintura di sicurezza per donne in gravidanza

Supporto testa/cuscino per cintura di sicurezza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Grandate: un ragazzo di 18 anni si toglie la vita buttandosi dalla torretta dell'acquedotto

  • Nuovo codice della strada, cosa rischiano gli automobilisti comaschi

  • Anche a Como è esplosa la Bubble Tea mania

  • I magnifici 7: ecco i migliori ristoranti dove mangiare etnico a Como

  • Le 5 migliori osterie per una pausa pranzo a Como

  • Como, studentessa aggredita e molestata alla fermata del bus: arrestato in piazza Vittoria

Torna su
QuiComo è in caricamento