Vento forte e rischio incendi su Como e provincia: nuova allerta della protezione civile

Codice giallo fino alle 18 di lunedì 31 dicembre

Repertorio

Nuova allerta della protezione civile regionale per la provincia di Como per il vento forte che dalle prime ore di domenica 30 dicembre 2018 sta spazzando il territorio, con il conseguente rischio di incendi boschivi, visto il clima molto secco.

Regione Lombardia ha diramato un'allerta in codice giallo, livello due su quattro, per il Lario sia per rischio vento che incendi: l'allerta è iniziata alla mezzanotte di domenica ed è in vigore fino alle 18 di lunedì 31 dicembre. 

E già nella mattinata di domenica sono iniziati gli interventi dei vigili del fuoco per far fronte ai danni causati dal vento.

Video: albero abbattuto sul lungolago

L'allerta: indicazioni operative

L'allerta richiede una fase operativa di ATTENZIONE, cioè di predisporre il sistema locale alla pronta attivazione di azioni di monitoraggio e contrasto, congruenti a quanto previsto nella pianificazione di emergenza comunale, per la salvaguardia della pubblica incolumità e la riduzione dei rischi. I Presidi territoriali hanno sempre l’onere di valutare l’attivazione e/o il passaggio a fasi operative di livello superiore, in funzione di valutazioni locali sull’evoluzione degli effetti al suolo e della vulnerabilità del proprio territorio. In particolare si suggerisce ai Presidi territoriali di prestare attenzione a fenomeni che localmente potrebbero risultare pericolosi, quali:  scenari di rischio vento forte, con effetti che potrebbero generare pericoli e problemi sulle aree interessate dall’eventuale crollo d’impalcature, cartelloni, alberi (particolare attenzione dovrà essere rivolta a quelle situazioni in cui i crolli possono coinvolgere strade pubbliche e private, parcheggi, luoghi di transito, servizi pubblici, etc); sulla viabilità, soprattutto nei casi in cui sono in circolazione mezzi pesanti; legati alla instabilità dei versanti più acclivi, quando sollecitati dell’effetto leva prodotto dalla presenza di alberi; per la sicurezza dei voli amatoriali e, in generale, dello svolgimento di attività in alta quota; alle attività svolte sugli specchi lacuali.

Il rischio incendi boschivi

In corrispondenza dei rinforzi di vento si prevede anche un aumento del rischio incendi boschivi, in particolare nelle ore centrali della giornata di domenica, quando sulla fascia prealpina alle quote a partire da 800/1000 metri ci sarà una intensificazione dei venti dal quadrante settentrionale, con aumento del disseccamento in quelle aree e possibili raffiche attorno a 90 km/h.
Si chiede di segnalare con tempestività eventuali criticità che dovessero presentarsi sul proprio territorio in conseguenza del verificarsi dei fenomeni previsti, telefonando al numero verde della Sala Operativa di Protezione Civile regionale: 800.061.160 o via mail all'indirizzo: cfmr@protezionecivile.regione.lombardia.it.

Le previsioni

Per la giornata di domenica si prevede sui rilievi alpini e prealpini a partire dalle prime ore notturne un'intensificazione della ventilazione dal quadrante settentrionale, interessando più marcatamente le quote a partire dagli 800/1000 metri. I valori più consistenti riguarderanno la parte centro-occidentale della fascia prealpina dove, tra tarda mattinata e primo pomeriggio, potranno essere possibili raffiche fino a 90 km/h. Dal tardo pomeriggio e sera venti in attenuazione, salvo sui rilievi occidentali dove si manterranno moderati.

Nella giornata di lunedì 31 dicembre venti in attenuazione nella mattinata sulla parte centro-orientale della regione. Mentre sulla parte occidentale persisteranno (a quote a partire dagli 800/1000 metri) venti moderati, in particolare sulle Prealpi varesine e lariane. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Drammatica scoperta in Municipio a Como: lago di sangue in un bagno di Palazzo Cernezzi

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento