Maltempo, scatta l'allerta meteo su Como e provincia: forti piogge in arrivo

Prolungata l'allerta fino alle 18 di mercoledì 7 novembre: codice arancione per rischio idraulico

Allerta in codice arancione- livello di pericolo tre su quattro- per rischio idraulico in provincia di Como. Dopo il maltempo dei giorni scorsi, sul Lario si tornano a temere gli effetti dei forti temporali in arrivo, e la protezione civile regionale martedì 6 novembre 2018 ha emanato un nuovo avviso di criticità dopo quello annunciato lunedì 5 novembre. 
Per quanto riguarda il rischio idrogeologico è confermata l'allerta in codice giallo, criticità ordinaria- per la zona identificata come IM 05 (Lario e Prealpi Occidentali), mentre per il rischio idraulico si è passati a una criticità moderata, appunto arancione, nella zona IM 09, ovvero il nodo idraulico di Milano che comprende anche molti comuni della provincia di Como. Sotto osservazione, in particolare, i fiumi Seveso e Lambro. Lo stato di allerta terminerà alle 18 di mercoledì 7 novembre.

Le previsioni

Secondo le previsioni pubblicate sul sito della Regione, sono attese piogge diffuse da moderate a forti, anche a locale carattere temporalesco, su Alpi, Prealpi e pianure adiacenti. I fenomeni dovrebbero essere più intensi tra la serata e la notte di martedì 6 novembre. Attenuazione nella mattinata di mercoledì 7 novembre a partire da ovest, ovunque entro il pomeriggio. Per giovedì 8 novembre, si prevede al momento la persistenza di un flusso umido e moderatamente instabile. Previste nuove precipitazioni, tuttavia al più deboli e a carattere sparso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Drammatica scoperta in Municipio a Como: lago di sangue in un bagno di Palazzo Cernezzi

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento