Ancora venti in arrivo: nuova allerta incendi sul territorio comasco

Dal 2 gennaio è attivo il periodo di alto rischio incendio boschivo

Ancora venti, ancora un'allerta incendi. La sala operativa della protezione civile di Regione Lombardia ha diramato un avviso di moderata criticità (codice arancione) per rischio incendi su alcune zone tra le quali anche il Lario, sia sul territorio comasco che lecchese.

Rischio incendi: le zone a rischio

L'allerta scatta dalle ore 18 di martedì 12 marzo. Le zone interessate sono la Valchiavenna, il Verbano, il Lario, il Brembo, Basso Serio-Sebino, Mella-Chiese, Garda, Pedemontana Occidentale e Oltrepò Pavese.

Previsioni meteo

A causa dell'intensificazione dei venti previsti a partire dal prossimo 13 marzo e del basso tasso di umidità, si generano condizioni favorevoli allo sviluppo e alla propagazione di incendi boschivi anche in previsione dell'accentuazione dei venti attesa nelle prossime ore sui settori di Nord Ovest.

Vietato accendere fuochi

Si ricorda che dal 2 gennaio è attivo il Periodo ad Alto Rischio di Incendio Boschivo fino a revoca. Vige pertanto il divieto assoluto di accendere fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiore a cento metri, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per
tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville, gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio. Scattano pertanto, per i trasgressori, le sanzioni previste dalla legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, oltre 200 contagi: in Lombardia sono 173.

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento