Parcheggi riservati a Como: tante segnalazioni ma nulla cambia

Rabbia tra i residenti: "Un'ora in macchina con bambini e bagagli"

Un'auto parcheggiata abusivamente alle 20.00

Dopo circa un mese torniamo a occuparci dell’uso abusivo, da parte di molti furbetti, dei parcheggi destinati ai residenti. A segnalarci l’episodio è un abitante di Piazzetta Jaska (zona 10), che avrebbe ben diritto a mettere l’auto sotto casa, scaricare la figlia di tre anni addormentata e i bagagli. Invece deve stare per più di un’ora ad attendere che qualcuno dei moltissimi automobilisti senza permesso, che hanno comunque molato qui la macchina (senza spendere una lira) per fare un comodo giro in centro, si degnino di lasciare libero il posto. La rabbia di coloro che ne avrebbero invece diritto ormai è tanta e ripetutamente chiamano i vigili per far spostare le auto. E invece secondo i residenti la risposta sarebbe sempre la stessa: i vigili, con pochissimi mezzi a disposizione, devono occuparsi di fatti più preoccupanti per la sicurezza e così ai residenti non resta che attendere l’arrivo “generoso” di un usurpatore che ha finalmente concluso l’aperitivo.

Diversamente dalla nostra ultima inchiesta, questa volta le auto parcheggiate abusivamente sono per lo più di cittadini italiani, fatta eccezione per una targa tedesca. "È di un ragazzo che parcheggia sempre qui. Non so dirvi quante multe abbia già preso – racconta un residente – eppure continua a lasciare qui l’auto, evidentemente per lui i soldi non sono un problema e preferisce pagare la multa che arrivare fino al Parking Centro Lago". La beffa è il fatto che il pass per parcheggiare in centro viene dato a chi ne ha diritto pagando un canone annuo di 360€, non gratis quindi. Ecco perché i residenti stanno pensando di chiedere un rimborso per tutte le volte che non hanno potuto parcheggiare a causa di persone che non avevano sborsato quella cifra e per il danno, specie in termini di tempo, che ne è conseguito.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

  • Attende il bus alle tre di notte: la polizia soccorre un anziano in stato confusionale

Torna su
QuiComo è in caricamento