Como, in via Carso corsia chiusa per almeno 7 giorni

Il manto stradale ha ceduto, provocando una voragine di 3 metri

La voragine, dopo che il mezzo incastrato era stato rimosso dai vigili del fuoco

Sabato una spazzatrice era sprofondata in una voragine nel manto stradale di via Carso. Il cedimento è stato probabilmente causato da un cattivo funzionamento del tombino, che non facendo defluire l'acqua in modo corretto, aveva permesso l’erosione dell’asfalto “dal basso”. Da lì, ecco aprirsi una grossa voragine, lunga circa 3 metri, che rappresenta quindi un enorme pericolo per gli automobilisti. Fin da subito la corsia interessata è stata chiusa dalle autorità e installato sul posto un semaforo per il senso unico alternato. Questa mattina il sopralluogo dei tecnici ha fornito una diagnosi impietosa: l'intervento di manutenzione necessario prevederà come minimo 7 giorni di chiusura della corsia.

Quindi il semaforo resta, gestito nelle ore di punta da una squadra della polizia locale che regolerà il flusso delle auto. È un problema non da poco, perché benché esistano percorsi alternativi per arrivare da Como Sole al centro città, la congestione del traffico nelle ore di punta, specialmente quelle del mattino con l'apertura delle scuole e degli uffici, difficilmente potrà sostenere l'ulteriore afflusso di chi sceglierà un percorso alternativo. Se a questo si aggiunge che nei prossimi giorni è prevista pioggia e che di conseguenza il traffico veicolare tenderà ad aumentare rispetto ai giorni di sole, in cui molte più persone si muovono a piedi, ecco che il pasticcio è fatto.
Si può solo sperare che i “7 giorni minimi”, previsti per riportare la situazione alla normalità, non diventino 8, 9, 10….

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese, ecco le indicazioni del Ministero della Salute

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e dintorni

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Como, i furbetti del sacco rosso

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

Torna su
QuiComo è in caricamento