Rischio neve, Como è in allerta

Il nuovo piano del Comune in tre fasi

Al fine di intervenire nel modo più efficace possibile in caso di nevicate, il Comune di Como ha aggiornato il piano neve e suddiviso i compiti per settore coordinando in un lavoro di squadra la Protezione civile, la Polizia locale, i tecnici del settore Reti, le società Csu, Asf e Aprica, coinvolgendo le imprese della zona. Nel piano sono state scandite tre fasi: monitoraggio, attenzione, emergenza.

Fase 1: monitoraggio

Il monitoraggio viene attivato in caso di temperatura sotto i 3° C o allerta neve emanata da Regione Lombardia (centro funzionale meteo); i settori coinvolti sono la Polizia locale e il settore Reti, l'Urp, l'ufficio comunicazione, il volontariato di Protezione civile.

Fase 2: attenzione

La fase di attenzione si attiva all'inizio della nevicata. Sono coinvolti la Polizia locale, il settore reti, l'Urp e l'ufficio comunicazione.

Fase 3: emergenza

La fase di emergenza viene attivata quando gli accumuli di neve in città o sulle arterie principale superano i 5 centimetri, oppure quando si verificano particolari situazioni di traffico congestionato. Il funzionario di turno, qualora non in servizio, viene avvisato dalla Centrale operativa della Polizia locale e in accordo con il sindaco e il comandante della Polizia locale attiva una Unità di crisi locale.

Nel piano vengono coinvolte anche Asf, Csu e Aprica, che nei rispettivi capitolati hanno degli obblighi di intervento in caso di neve.

I volontari della Protezione civile provvedono alla salatura e allo sgombero della neve sulla scalinata della stazione centrale e delle altre stazioni (Lago, Borghi, Camerlata e Albate), nelle aree antistanti l'ospedale Valduce e nei principali marciapiedi della città, nei cortili del Municipio e di ingresso al comando della Polizia locale. I volontari vengono coordinati dai capisquadra e si tengono in costante contatto col personale Polizia locale di turno.

Le imprese di zona vengono allertate dai tecnici e devono uscire al massimo entro un'ora con almeno cinque veicoli. Ogni ditta ha una sua specifica zona di competenza, deve intervenire prima nelle strade principali, poi in quelle ordinarie infine nelle altre. Si precisa che non compete alle ditte lo sgombero della neve dai marciapiedi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ognuno dei mezzi che saranno utilizzati è dotato di gps. La Polizia locale ha l'accesso al sistema di georeferenziazione per il monitoraggio in tempo reale dei mezzi in servizio: allo scattare della fase di emergenza, l'unità di crisi potrà coordinarli direttamente e rispondere alla cittadinanza se sono passati o meno da una certa strada. Se necessario, il tecnico reperibile può allertare una pattuglia della Polizia locale per fare strada allo spazzaneve, in modo che possa raggiungere le zone da spazzare quando il percorso è bloccato da altri veicoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa dei posti auto gratuiti a Como: dove sono i parcheggi bianchi

  • Mascherine, in Lombardia stop all'obbligo all'aperto dal 15 luglio

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Miss Mondo: sei le comasche in semifinale. Ecco le loro foto

  • Laura, negoziante guerriera, dice no a Como duty free

  • Incidente sulla Valassina: traffico in tilt in direzione Milano

Torna su
QuiComo è in caricamento