Como, dopo le feste l'asilo riapre al gelo: "Vergognoso, qualcuno si deve dimettere"

Denuncia del consigliere Bruno Magatti (Civitas)

Bambini di un anno al freddo e al gelo: succede all'asilo comunale di via Palestro a Como dove nella mattina del 7 gennaio 2020, al rientro dalle feste, la struttura non era riscaldata. Motivo? Probabilmente un blocco o un ritardo nell'accensione dei riscaldamenti che non sarebbero stati fatti partire il giorno prima. A lanciare una vigorosa denuncia è il consigliere comunale di opposizione, Bruno Magatti, della lista Civitas: "Questa mattina ho portato il mio nipotino all'asilo e sono rimasto sconcertato nel trovare la struttura al gelo. Ci saranno stati 8-10 gradi. E' vergognoso, qualcuno deve rispondere di un simile disservizio che nuoce a bambini così piccoli. Qualcuno dovrebbe dimettersi per una cosa del genere, perché non è accettabile che bambini di un anno entrino in un asilo così freddo. Serviranno ore prima che gli ambienti della struttura si riscaldino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento