"Una famiglia per una famiglia": il progetto di affiancamento familiare in arrivo anche a Como

Un'iniziativa per sostenere le famiglie in difficoltà

Famiglie che aiutano altre famiglie in difficoltà

Si chiama "Una famiglia per una famiglia" il progetto di affiancamento familiare partito in alcuni distretti della provincia di Como per sostenere le famiglie in difficoltà.

Finanziato da Fondazione Comasca e promosso a livello nazionale dall'associazione Paideia di Torino, il progetto è partito due anni fa nel distretto di Mariano Comense e Cantù con buoni risultati, quest'anno hanno aderito anche i distretti di Como, Lomazzo-Fino Mornasco, Menaggio, Dongo e Olgiate Comasco.

Il progetto

L'iniziativa consiste nell'affiancare una famiglia ad un'altra che si trova momentaneamente in difficoltà

"Si tratta - ha spiegato Federica Trentin, responsabile e coordinatrice del servizio affidi Asci (azienda sociale comuni insieme) di Lomazzo-Fino Mornasco - di famiglie che vengono segnalate dai servizi sociali comunali perchè stanno vivendo un momento di difficoltà e quindi, a titolo preventivo, prima che la situazione degeneri e si rendano necessari interventi più intrusivi, si decide di affiancare loro un'altra famiglia che li aiuti in quel momento di vita.
Non sono casi gravi, da tutela minori o che si trascinano da anni - ha precisato Trentin - Ci sono ad esempio famiglie in cui la mamma rimane vedova e deve confrontarsi con lo sconforto, le difficoltà economiche e i figli da gestire. O le famiglie straniere senza alcuna rete sociale in cui il marito lavora tutto il giorno e la moglie è a casa con i figli. E allora l'aiuto può essere accompagnare i bambini a scuola o spiegare alla mamma straniera come si fa ad accedere ai servizi sanitari.
L'obiettivo, però, - ha precisato Trentin - non è sostituirsi, fare le cose al posto loro, ma riattivare le risorse presenti nella famiglia in difficoltà per renderla autonoma".  

Le famiglie affiancanti (dove per famiglie si intendono anche singole persone e non necessariamente un nucleo) devono seguire due incontri formativi e partecipare una volta al mese al gruppo di sostegno i cui si confrontano le esperienze. A ciascuna viene assegnato un tutor di riferimento. Le famiglie verranno abbinate in base alla compatibilità e alla vicinanza fisica della residenza. 

Nel distretto di Lomazzo- Fino stanno partendo in questi giorni due progetti con due famiglie, ma tante sono quelle in attesa di un sostegno.

E non si tratta solamente di famiglie straniere: "Il rapporto tra italiani e stranieri è praticamente pari - ha spiegato Trentin - molti arrivano tramite il parroco o vanno a chiedere aiuto direttamente in comune".

I corsi

I primi corsi formativi per il distretto Lomazzo-Fino Mornasco saranno sabato 23 settembre 2017 e sabato 7 ottobre dalle 10 alle 12.30 nella sede Asci di piazza IV Novembre, 2 a Lomazzo. Corsi identici si svolgeranno in altre date negli altri distretti e gli interessati possono tranquillamente partecipare a quelli più comodi come date e orari.

"Finora tra Como e Lomazzo-Fino abbiamo ricevuto solo 5-6 richieste, davvero poche rispetto alle necessità - ha detto Trentin - speriamo che ci siano maggiori adesioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per maggiori informazioni ci si può rivolgere al servizio affidi- asci al numero 02. 96778318 .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento