La proposta: nuovi treni a idrogeno sulla linea Como-Lecco

Il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" si rivolge alle istituzioni: «Ecologico e con costi minori rispetto all'elettrificazione di una linea che ancora va a gasolio»

Il treno Coradia a idrogeno inaugurato in Germania (foto LeccoToday)

Sostituire i vecchi treni della linea Como-Lecco inquinanti e alimentati a gasolio con nuovi mezzi a idrogeno: un'idea suggestiva, lanciata dal Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" dopo l'entrata in servizio del primo treno a idrogeno in Germania, e riportata da LeccoToday.

«Da anni, se non decenni, si parla di elettrificazione della Como-Lecco, purtroppo senza risultati concreti - spiega Roberto Fumagalli, presidente dell'associazione ambientalista - Sempre in tal senso, nelle scorse settimane è stata approvata una delibera in Consiglio Regionale. Sappiamo però che l'elettrificazione avrebbe tempi e costi molto elevati, oltre che prevedere la modifica o il rifacimento completo di alcune infrastrutture, tipo le vecchie gallerie.
La nostra proposta è invece più concreta e comporterebbe costi di sicuro minori: infatti basterebbe sostituire i treni, passandoli da gasolio a idrogeno; l'unica "infrastruttura" da realizzare sarebbe il deposito dei serbatoi di idrogeno, scelta da valutare comunque con estrema attenzione, soprattutto in termini di sicurezza. Il deposito potrebbe essere realizzato ad esempio a Lecco o a Molteno, snodo importante non solo per la Como-Lecco, ma anche per la Lecco-Molteno-Monza-Milano, che potrebbe altrettanto essere interessata dal passaggio all'idrogeno».

A proposito della elettrificazione della linea, Il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" ricorda che già nella Finanziaria dell'anno 2000 vennero stanziati fondi per 2 miliardi di vecchie lire, il cui effettivo utilizzo rimane un mistero. Oggi, diciotto anni dopo, i pendolari sono ancora alle prese con condizioni del servizio in continuo peggioramento, fra ritardi, cancellazioni e materiale rotabile non adeguato, stazionio in progressivo degrado. Alla luce di queste considerazioni, il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" chiede pertanto ai soggetti interessati, istituzionali e non (Regione, Province, Rfi, compagnie ferroviarie, Trenord) di valutare la proposta del passaggio all'idrogeno, che garantirebbe un servizio più ecologico per la linea Como-Lecco.
Il tutto però unito a impegni concreti per la riqualificazione della linea e per il potenziamento del servizio ferroviario, in termini di numero e puntualità delle corse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude in tal senso Fumagalli: «I soldi pubblici ci sono: anziché sperperarli per la progettazione e la realizzazione di nuove strade, autostrade o per l'Alta velocità, le istituzioni e le Ferrovie devono dare priorità agli investimenti per i trasporti ferroviari utilizzati dai pendolari».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Como usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in Valchiavenna, 37enne di Mariano Comense precipita in un dirupo e muore

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Alta Valsassina, tragedia in famiglia, uccide i figli e poi si toglie la vita: i retroscena e i messaggi sui social

  • Bloccato in Thailandia dopo una gravissimo infortunio: scatta la raccolta fondi per aiutare Santiago

  • E' morto Silvio Mason, storico batterista dei Succo Marcio

  • Merone, infortunio sul lavoro: morto un uomo alla Holcim

Torna su
QuiComo è in caricamento