Allo Spazio Parini di Como 12 artisti per ModArt: dalla Moda all’Arte

Spazio Parini di Como

Sabato 4 maggio alle ore 18, allo Spazio Parini di Como, inaugurazione  della mostra ModArt - dalla Moda all’Arte. Espongono 12 artisti comaschi. A Como negli anni Sessanta del Novecento l’industria del tessile occupava un posto di prima fila, non solo a livello nazionale. Si sviluppoò una capacità progettuale ed artistica da primeggiare a livello internazionale. Gli espositori che oggi  sono raggruppati in questo evento  sono stati figli di questo dualismo ed in qualche modo lo sono tutt’ora.

Gli artisti in mostra

Germano Bordoli, Elena Borghi, Adriano Caverzasio, Massimo Clerici, Giorgio Gaffuri, Paul Hargittay, Bruno Luzzani, Pinin Manoukian, Francesco Ortenzi, Aligi Peverelli, Carlo Pozzi, Stefano Venturini.  Gli artisti (non sempre in contemporanea tutti)  sono presenti il sabato pomeriggio presso lo Spazio Parini a partire dalle ore 15.30 per incontrare il pubblico interessato alla mostra.

parini-artista-2

MODART  dalla Moda all’arte

Città, nel Tempo, assumono le caratteristiche che la storia, la collocazione, i conflitti, la laboriosità dei suoi abitanti conferiscono loro. Così capita che, in base alla semplice conformazione del territorio, esse esprimano peculiarità che si rafforzano in alcune epoche, per poi perderle in altre in base all'andamento dei mercati o alle scelte più o meno avvedute dell'economia. A Como negli anni sessanta del novecento, quando la produzione e la coltivazione del baco da seta erano già tramontate, l'industria del tessile occupava un posto di prima fila non solo a livello nazionale. Dipendeva molto dalla sua collocazione geografica, dai corsi d'acqua in particolare per le tessiture, dall'industriosità di molti imprenditori, dalla presenza di una mano d'opera piuttosto specializzata e, allora unica nella realtà del Paese, di una formazione scolastica specifica. L'indotto era a tale livello che divenne un valore aggiunto da spendere al di là della specificità industriale italiana. In quegli anni l'artigianato fiorito intorno all'industria della seta contava quasi trecento studi grandi e piccoli di disegnatori per tessuti ed altrettanti, se non di più, di lucidisti e messincartisti. Si sviluppò una capacità progettuale ed artistica tale da primeggiare a livello internazionale, in grado, per almeno due decenni, di influenzare il mondo della moda. Ancora non erano nate la tecnologia computerizzata del disegno e la stampa inkjet che, come tutte le innovazioni, erano destinate a sconvolgere il mercato negli anni a venire. Comunque sia, il nuovo sarebbe cresciuto soltanto (e, paradossalmente, a discapito) grazie all'alta professionalità acquisita nel campo artigianale ed artistico di quegli anni. Non è qui il caso di aprire disquisizioni di carattere sociologico ed economico, tuttavia quegli anni furono prodromi della formazione, del tutto peculiare, di molti artisti comaschi. La commistione era duplice: artisti locali (Badiali, Rho, Molteni, Gabaglio, solo per citarne alcuni) si cimentarono nel disegno per tessuti, mentre disegnatori si 'facevano le ossa' per entrare nelle fila dei produttori d'arte.

parini-borghi-2

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Van Gogh Alive: arriva a Lugano la mostra multimediale più visitata al mondo con oltre 7 milioni di spettatori

    • dal 14 novembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Centro Esposizioni di Lugano  
  • Campo quadro in Pinacoteca a Como, ecco il calendario delle mostre del 2019

    • dal 3 febbraio 2019 al 12 gennaio 2020
    • Pinacoteca Civica
  • In Pinacoteca a Como: “Mario Radice: il pittore e gli architetti. La collaborazione con Cesare Cattaneo, Giuseppe Terragni, Ico Parisi”

    • dal 13 giugno al 24 novembre 2019
    • Pinacoteca Civica

I più visti

  • Van Gogh Alive: arriva a Lugano la mostra multimediale più visitata al mondo con oltre 7 milioni di spettatori

    • dal 14 novembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Centro Esposizioni di Lugano  
  • StreetScape8, a Como è l'anno del toro (sdraiato)

    • Gratis
    • dal 12 ottobre al 17 novembre 2019
    • Varie sedi
  • Campo quadro in Pinacoteca a Como, ecco il calendario delle mostre del 2019

    • dal 3 febbraio 2019 al 12 gennaio 2020
    • Pinacoteca Civica
  • Pop Up, Miniartextil 2019: Shopfliter nome di punta della mostra collettiva di arte contemporanea

    • dal 29 settembre al 17 novembre 2019
    • Spazio Ratti - ex Chiesa di San Francesco
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    QuiComo è in caricamento