Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

I nostri suggerimenti da segnare in agenda da lunedì 6 gennaio a domenica 12 gennaio 2020

Eventi a Como

In attesa della nostra guida settimanale dedicata ai migliori eventi del weekend, ecco come riempiere la vostra agenda culturale con gli appuntamenti da non perdere in città e dintorni da lunedì 6 gennaio a domenica 12 gennaio. Uno al giorno, a voi la scelta.

Lunedì (Befana)

Chi aspettava il 6 gennaio per vedere la Befana calarsi dall'alto, come nelle scorse edizioni della Città dei Balocchi, rimarrà deluso. Infatti, quest'anno, purtroppo, non è stato possibile organizzare l'ormai tradizionale atterraggio che negli anni passati ha visto la Befana calarsi, con l'aiuto dei vigili del fuoco, dal Brolettodal Teatro Sociale e persino dal Duomo. Per motivi di sicurezza e ordine pubblico l'organizzazione della kermesse natalizia ha dovuto optare per un evento per così dire più tranquillo, ma che certamente non lascerà delusi i bambini. La tenera vecchietta che vola con la scopa di saggina quest'anno aspetterà i bambini nel cortile antico di Palazzo Cernezzi, sede del Comune di Como alle 15.30

befana duomo-2

Martedì (Van Gogh)

Tuffarsi in un quadro impressionista, “nuotando” fra i colori, in un mare di proiezioni video e suoni incredibili è possibile grazie alla mostra multimediale “Van Gogh Alive – The Experience”. La vita, le figure e i paesaggi di Van Gogh sono i protagonisti assoluti di questa rappresentazione multimediale immersiva, dedicata al grande pittore olandese che, con il suo stile unico ed inconfondibile, ha gettato le basi dell’arte moderna. Sincronizzate con una potente e suggestiva colonna sonora, più di 3.000 immagini ad altissima definizione creeranno un allestimento elettrizzante che riempirà schermi giganti, pareti e colonne, dal soffitto fino al pavimento, immergendo completamente il visitatore nei colori vibranti e nei dettagli intensi che caratterizzano lo stile di Van Gogh.

van gogh experience-2

Mercoledì (Lorenzo Riva)

Al Museo della Seta di Como prosegue la mostra ll maestro è nell’anima. Lorenzo Riva - Cinquant’anni di alta moda”, la prima mostra personale dedicata allo stilista Lorenzo Riva, curata da Paolo Aquilini. Famoso in tutto il mondo per aver vestito le più prestigiose spose del Jet set internazionale, Riva è maestro indiscusso anche nel pret a porter, nei vestiti di alta moda e nei sensuali abiti da sera. La mostra del Museo della Seta celebra cinquant’anni di attività esponendo abiti, bozzetti, rassegne stampa internazionali e per la prima volta sottolinea il genio eclettico dello stilista monzese attraverso le sue poco note ma incredibili collaborazioni.

riva-1-2

Giovedì (Marcello Dudovich)

Fino al 16 febbraio 2020 una sezione della mostra “Marcello Dudovich (1878-1962). Fotografia tra arte e passione” sarà ospitata anche nel Museo di Villa Bernasconi del Comune di Cernobbio. Triestino di nascita e internazionale per vocazione, illustratore e cartellonista di successo, Marcello Dudovich fu un assoluto innovatore e costituisce uno dei riferimenti più importanti nella storia del manifesto. Di lui si ricordano – solo per citarne alcuni – i coinvolgenti manifesti per i magazzini Mele di Napoli, per Borsalino, la Rinascente di Milano, Campari, Martini, Agfa film, Pirelli. 

Dudovich022-2

Venerdì (L'Heure Espagnole)

Un abbinamento irrituale, due commedie, in atto unico, vicine nel tempo: L'heure espagnole, composta da Maurice Ravel nel 1911 e Gianni Schicchi, di Giacomo Puccini, del 1917. Minimo comune denominatore dei due titoli è il senso, inesorabile, del tempo, che viene scandito in Ravel dal tema dell’orologio (il protagonista è un orologiaio), mentre in Puccini il tempo è il fluire della vita, che esplode con ironia, fin dalle prime battute iniziali. In scena al Teatro Sociale di Como il 10 e 12 gennaio 2020. 

heure-espagnoleumberto-favretto-2

Sabato (Gang)

I Gang si presentano per la prima volta sul palco dell'Officina della Musica di Como l'11 gennaio 2020 con un'inedita e affascinante formazione in quartetto che vede al fianco dei fratelli Severini Jacopo Ciani al violino e mandolino e Gianni Bonanni alla fisarmonica, piano e organo. I Gang ripercorreranno le canzoni intramontabili della loro carriera come La Pianura dei sette fratelli, Bandito senza tempo, Sesto San Giovanni, Mare nostro, Comandante fino ad arrivare ai brani dell'ultimo disco, acclamato dalla critica, Calibro 77 che omaggia i grandi cantautori italiani degli anni 70 da Claudio Lolli a Guccini, da De Gregori a De Andrè e potrebbe essere anche l'occasione per ascoltare in anteprima le canzoni del prossimi album che verrà registrato a febbraio insieme a Jono Manson.“

GANG-Calibro77-0400_web-2

Domenica (Campo Quadro)

Viaggio alla scoperta delle opere donate alla Pinacoteca di Como da mecenati di oggi e di ieri: Wanda Broggi, donazione Enrico, Michele, Francesca e Licia Catelli fino al 12 gennaio 2020. Campo quadro è un piccolo spazio circoscritto, di 4,2 x 4,2 metri, che delimita la parte finale del lungo loggiato, ora chiuso, del primo piano della Pinacoteca di Como e si contrappone alle scale.  Il nome, suggerito dai progettisti, indica una piccola piazza di forma quadrangolare e allude anche all’opera d’arte che viene esposta all’interno. E’ un luogo dedicato alla contemplazione di un dipinto, di una scultura, di un oggetto d’arte che può essere stato donato alla Pinacoteca oppure far parte della collezione conservata, o ancora, giunto in prestito da collezioni pubbliche o private.

pinacoteca-como-mp-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il primo decesso in Lombardia. I contagi sono almeno 36

  • Coronavirus a Como: paziente infetto trasferito all'ospedale Sant'Anna

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento