All'1&35circa is the only law: la musica riparte con Daniele Tenca

DanieleTenca (foto Arianna Cagnin)

Una bella notizia, finalmente, per tutti gli appassionati di musica dal vivo. All'1&35circa di Cantù riapre le porte ai concerti per continuare la sua lunga storia lunga 27 anni. Il palco più cool della provincia di Como, dopo la sua trasformazione in circolo Arci, riprende sabato 14 dicembre, alle 22, la sua programmazione che presto porterà nuovamente sul palco grandi artisti. Il debutto tocca a Daniele Tenca (voce, chitarre, oil tin guitar), accomoagnato in questa occasione da Andrea Caggiari -(basso, cori) e Pablo Leoni -(batteria, cori).

Giunto al quinto disco - quarto in studio dopo Guarda Il Sole (Ultratempo 2007), Blues For The Working Class (Ultratempo 2010) e Wake Up Nation (Route 61 2013), preceduti dall’esperienza con i Badlands influenzata principalmente dalla passione per Bruce Springsteen - il cantautore lombardo con Love Is The Only Law nel 2016 sorprende con una sterzata intimista e una scelta di tematiche personali basate sull’amore nelle sue più ampie sfaccettature. Se i due albums precedenti si caratterizzavano per i testi su problematiche sociali, sul lavoro e sulla situazione sempre più drammatica delle classi socialmente deboli, accoppiati ad un blues aspro mischiato con la roots music di matrice americana, Love Is The Only Law cambia registro soprattutto dal punto di vista testuale, mentre la parte musicale tutto sommato prosegue nei solchi già tracciati.

DanieleTenca-2

La produzione prestigiosa del bluesman americano Guy Davis, che si affianca a Tenca e ad Antonio “Cooper” Cupertino, non può essere estranea al tipo di suono, essenziale e minimalista, in bilico tra blues, folk e americana. Love Is The Only Law apre e chiude il disco, racchiudendolo come un concept, prima in versione gospel-folk acustica e rilassata con la chitarra di Guy Davis, poi in versione elettrica e oscura tra soul e blues, con gli intrecci delle chitarre di Vezzano e Leo Ghiringhelli.

The Day You’ll Say Sorry è un roots-rock che rappresenta la consapevolezza tardiva della crisi o della fine di una storia, Along Your Path un rabbioso rock-blues nel quale quasi a sorpresa si inserisce una sezione fiati, Haunted House una traccia tetra e avvolgente che esprime l’incomunicabilità all’interno della coppia, Hard To Let You Go un rock grintoso sulla rottura di un rapporto, Darker Side un blues cadenzato e ipnotico sulla sofferenza dei ricordi e sul dolore della perdita che mi sembra influenzato dalle atmosfere dei Doors più tenebrosi. Nella parte finale emerge l’eccellente ballata Phantom Pain, uno dei momenti più profondi dell’album, mentre un barlume d’ottimismo pervade il blues ritmato di Colors, prima della ripresa della title track.

Un disco sofferto e personale che evidenzia la maturazione della voce e della scrittura di Tenca, tra i più interessanti autori di roots rock in Italia, insieme ai Lowlands dell’amico Edward Abbiati (con il quale Daniele ha effettuato recentemente quattro riuscite date acustiche) e ad altri artisti meritevoli di maggiore spazio come Cheap Wine, Miami & The Groovers, Cesare Carugi e Graziano Romani.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Tradizione e Tradimento: Nicolò Fabi in concerto a Lugano

    • dal 2 al 3 aprile 2020
    • Studio Foce Lugano
  • Il nuotatore, i Massimo Volume tornano live allo Studio Foce

    • 10 aprile 2020
    • Studio Foce Lugano

I più visti

  • Monet, Cézanne, Renoir, Gauguin e Van Gogh: a Lugano i capolavori della Collezione Emil Bührle

    • dal 14 marzo al 30 agosto 2020
    • Lac - Lugano - Svizzera
  • Lorenzo Riva, il maestro è nell'anima: cinquant'anni di alta moda al Museo della Seta di Como

    • fino a domani
    • dal 30 ottobre 2019 al 31 marzo 2020
    • Museo della Seta
  • Rassegne cinematografiche: all'Insubria di Como "Le disobbedienti. Le Antigoni nella Storia"

    • Gratis
    • dal 16 ottobre 2019 al 20 maggio 2020
    • Aula S.0.6. Chiostro di Sant’Abbondio, Como
  • Fiori narrati: illustratori dell'art nouveau in dialogo con Villa Bernasconi a Cernobbio

    • dal 7 marzo al 20 settembre 2020
    • Villa Bernasconi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    QuiComo è in caricamento