Luigino Nessi, Abio Como e Padre Giovanni Bonacina: la cerimonia degli Abbondini d'oro 2018

Premiati l'impegno nel volontariato, l'insegnamento e l'assistenza ai bambini in ospedale

I tre Abbondini 2018: da sinistra Padre Bonacina, Franca Bottacin di Abio e Luigino Nessi

Luigino Nessi, l'associazione Abio Como Onlus (Associazione per il Bambino in Ospedale) e Padre Giovanni Bonacina: sono loro i tre benemeriti premiati con l'Abbondino d'oro 2018, la benemerenza civica di Como.
La cerimonia si è svolta sabato 1° dicembre a Villa Olmo.

Come ogni anno ad assistere c'erano le rappresentanze di tutte le istituzioni cittadine e provinciali, civili e militari, a partire dal prefetto Ignazio Coccia, il neo presidente della Provincia Fiorenzo Bongiasca e, ovviamento, il sindaco di Como Mario Landriscina in rappresentanza del Comune, la cui apposita commissione ha vagliato numerose candidature prima di arrivare alla selezione dei tre premiati.

Presenti, sabato alla cerimonia, come membri della commissione speciale per l'assegnazione delle benemerenze, il Presidente della Commissione Ferretti, i Consiglieri Aleotti, Bonduri, Canova, Gervasoni, Nessi, Valeri, la Presidente del Consiglio comunale Anna Veronelli, l'Assessore delegato dal sindaco Elena Negretti.

Le motivazioni

Padre Giovanni Bonacina, storico docente e preside del Gallio di Como: per avere dedicato la sua intera esistenza all'insegnamento e avere cresciuto generazioni di comaschi, educandoli all'amore per il sapere e coltivandone lo spirito critico (classe III - Benemeriti del mondo della scuola). 

Luigino Nessi: per aver servito, in oltre cinquant'anni di impegno generoso e infaticabile, le persone più fragili della nostra comunità e avere affiancato al volontariato nel campo sociale l'impegno nella promozione dello sport per i più giovani e nelle assemblee municipali (classe IV - Benemeriti delle attività solidaristiche e filantropiche).

Abio Como Onlus (Associazione per il Bambino in Ospedale): per avere accolto e assistito con umanità e premura da trent'anni - grazie al prezioso impegno offerto dai Volontari - i bambini e le famiglie che vivono la delicata e difficile esperienza del ricovero ospedaliero (classe IV - Benemeriti delle attività solidaristiche e filantropiche). Ha ritirato il premio la presidente Franca Bottacin.

La cerimonia

Una cerimonia intensa ed emozionante, a partire dalla parole di Anna Veronelli che ha letto la presentazione dei tre benemeriti, indicati come modelli da seguire.
Bonacina, che ha alle spalle oltre 30 anni di insegnamento, si è speso per "educare per una vita intera a coltivare il senso critico e rispettare la libertà, forgiare così il carattere degli studenti e forse il loro destino di uomini".
Poi Luigino Nessi di Albate che "rappresenta per gli albatesi e non solo per loro una vera istituzione - recita la presentazione- Negli ultimi 50 anni non è forse trascorso giorno senza che abbia fatto qualcosa per gli altri, mettendo il suo prossimo al primo posto. Sono 3 i campi nei quali si è distinto per abnegazione e dedizione, nei quali incessantemente e senza clamore ha letteralmente servito: lo sport (il calcio in particolare), la politica e il volontariato".
Infine l'associazione Abio Como, da 30 anni accanto ai bambini ricoverati in ospedale per rendere l'esperienza meno traumatica per i piccoli e le loro famiglie. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Erba

    Furto all'ospedale di Erba: rubati macchinari di endoscopia per 300mila euro

  • Meteo

    Meteo a Como, tornano freddo e gelo: ancora allerta vento e incendi, le previsioni

  • Scuola

    Fumo e distesa di sigarette nei bagni del Caio Plinio, rabbia degli studenti non fumatori: "Nessuno fa niente"

  • Economia

    Anche Como ha i suoi Amazon Locker: dove e cosa sono, come funzionano

I più letti della settimana

  • Montorfano, massacra il collega di botte e gli spacca il cranio sul luogo di lavoro

  • Auto bruciata con una persona dentro: donna morta a Uggiate Trevano

  • Paura per Wanda Nara: sasso contro l'auto della moglie di Icardi mentre portava i figli a Como

  • Inverigo, il dolore-rabbia di Lara e di sua nonna: "Ladri bastardi, ci hanno rubato i dolci ricordi di mio padre"

  • Incendio all'officina Bellù di Cassina Rizzardi

  • Cade in montagna, morta una donna di Erba

Torna su
QuiComo è in caricamento