Ufficiale: Maurizio Bruschi nominato commissario straordinario del Casinò di Campione

E dalla Cgil nazionale nuovo appello al Governo affinchè intervenga a favore dei 480 lavoratori licenziati

Il Casinò di Campione d'Italia

E' stato finalmente nominato il commissario straordinario per il Casinò di Campione d'Italia: Maurizio Bruschi, dopo le indiscrezioni delle scorse settimane, è stato designato ufficialmente. 
Come riporta il sito gioconews.it, la Corte dei Conti ha firmato il decreto del presidente del consiglio dei ministri che nomina Bruschi commissario straordinario per la casa da gioco dell'enclave, ai sensi di quanto previsto dal decreto fiscale e dalla legge di Stabilità 2019.
Il decreto è stato firmato martedì 19 marzo 2019, dunque da questa data scattano i 45 giorni che il commissario ha per studiare le soluzioni per riaprire il Casinò, chiuso dal luglio 2018 in seguito alla dichiarazione di fallimento da parte del Tribunale di Como. Sentenza poi annullata dalla Corte d'Appello di Milano. 
La notizia è arrivata durante l'incontro in Prefettura a Como tra il prefetto Coccia e una delegazione di cittadini di Campione. Bruschi, 73 anni, dal 1965 al 2011 ha lavorato al ministero dell'Interno, ricoprendo numerosi ruoli di responsabilità.

Nuovo appello della Cgil Nazionale al Governo

Intanto sempre martedì 19 marzo la Cgil nazionale è tornata a chiedere un intervento urgente alle Istituzioni sulla situazione dei lavoratori del Casinò licenziati.

"Nel silenzio assordante delle Istituzioni -scrive il sindacato in una nota ufficiale- 480 lavoratori sono stati licenziati dopo la chiusura del Casinò di Campione. Si mettono così in difficoltà tante famiglie e, al tempo stesso, si da un colpo all’intera economia del Comune.

Il sindacato ha chiesto unitariamente più volte ai Ministri competenti di definire un percorso che porti alla riapertura del Casinò e al riassorbimento dei lavoratori licenziati. In questi mesi a Campione si è registrata una caduta dei redditi e la chiusura di importanti servizi sociali. Così si lascia senza prospettiva un intero comune e 2000 cittadini.

La Cgil Nazionale -conclude il comunicato-chiede un intervento urgente da parte delle Istituzioni, affinché si possa dare una risposta ai lavoratori e ai cittadini di Campione che da troppi mesi vivono in condizioni di difficoltà".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, ragazza di 18 anni violentata al primo appuntamento: arrestato barista del centro

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

Torna su
QuiComo è in caricamento