Mercato coperto di Como, la richiesta degli operatori: un sistema di aria condizionata

Consegnate le oltre mille cartoline di Confesercenti a sindaco e assessore: pronti a "sistemare" la struttura, partendo dalla bonifica dei piccioni

Il sindaco Landriscina riceve Confesercenti

Una controsoffittatura per installare un impianto di aria condizionata che possa raffrescare d'estate e riscaldare d'inverno. E' la richiesta, o meglio, la proposta degli operatori del mercato coperto di via Mentana/via Sirtori a Como. La proposta è emersa in occasione della raccolta delle cartoline con cui Confesercenti ha chiesto al Comune di Como di intervenire per effettuare una serie di interventi di miglioramento della struttura.

Prima del consiglio comunale di lunedì 15 ottobre il sindaco Mario Landriscina e l'assessore al Commercio, Marco Butti, hanno accolto una delegazione degli operatori del mercato coperto guidati dal presidente di Confesercenti, Claudio Casartelli. "L'incontro è stato molto positivo - ha dichiarato Casartelli - perché sindaco e assessore si sono impegnati ad effettuare presto gli interventi più semplici e di immediata realizzabilità, come per esempio la bonifica dei piccioni e il piano giornaliero di pulizia generale". Per altri interventi, invece, bisognerà aspettare un po' di più. "Quello che desideriamo - ha commentato Casartelli - è che anche Como abbia un mercato cittadino come quelli che si trovano in molte altre città europee. Il mercato, del resto, è una delle mete preferite dai visitatori e turisti perché è il cuore pulsante della cità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e sul lago

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento