Variante Tremezzina, l'annuncio di Braga e Guerra: "I 210 milioni garantiti fino al 2018"

Mancano ancora 110 milioni per coprire i costi totali del progetto e il no della Soprintendenza - che potrà essere bypassato soltanto da una decisione del governo - pesa ancora su tempi e modalità della sua eventuale realizzazione. Ma per una...

braga guerra

Mancano ancora 110 milioni per coprire i costi totali del progetto e il no della Soprintendenza - che potrà essere bypassato soltanto da una decisione del governo - pesa ancora su tempi e modalità della sua eventuale realizzazione. Ma per una delle poche (ma sostanziose) certezze della Variante della Tremezzina arriva comunque una buona notizia, portata dai due parlamentari comaschi del Pd, Mauro Guerra e Chiara Braga. I quali, infatti, hanno comunicato che il tesoretto di 210 milioni già messo sul piatto dal governo (a cui si aggiunge la disponibilità di una ventina di milioni da parte della Regione) sono stati messi al sicuro ancora per un po'. "Con l’approvazione alla Camera della legge di conversione del decreto legge n. 185/2015 - dicono infatti i due deputati dem - viene meno il pericolo che, a causa dell’allungarsi dei tempi della definizione delle procedure riguardanti l’approvazione definitiva del progetto, l’appalto e la cantierabilità dell’opera, possano essere revocate le risorse finanziarie per 210 milioni di euro stanziate dallo Stato per la realizzazione della Variante della Tremezzina sulla statale 340 Regina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Di fatto e di diritto, ora – chiariscono i due esponenti del PD” – il combinato disposto dalle norme previste dal decreto legge Sblocca Italia e dai provvedimenti che lo hanno seguito sino a quello ora approvato, offre tempo sino al 2018 per giungere a cantierare l’opera senza perdere il finanziamento. Grazie a questa norma – concludono – prevista dal Governo, ora approvata definitivamente dal Parlamento, e che raccoglie anche le richieste e sollecitazioni che abbiamo formulato in questi mesi, vi sono quindi le condizioni per proseguire il lavoro volto a consentire di superare le criticità emerse nel percorso di condivisione ed approvazione del progetto definitivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Lago di Como, prendono il sole completamente nudi: multati

  • 10 motivi per cui il Lago di Como è il più bello del mondo

  • Laura, negoziante guerriera, dice no a Como duty free

Torna su
QuiComo è in caricamento