Preso il vandalo della Valle d'Intelvi: ha bruciato e distrutto auto, ma i Ris lo hanno incastrato

Denunciato un ragazzo di 24 anni

Sono state lunghe e complesse indagini quelle condotte dai carabinieri di Centro Valle d'Intelvi per individuare e assicurare alla giustizia il responsabile di diversi atti vandalici compiuti nel 2017. Tre auto brunciata a Blessagno, altre vetture distrutte con sassi a Pigra e una legnania incendiata sempre a Pigra e sempre nella stessa notte. Ce n'era abbastanza per spingere i militari a dare il meglio di sé nelle indagini. Sono serviti oltre due anni ma alla fine i carabinieri della compagnia di Menaggio grazie al contributo del Ris di Parma sono riusciti a individuare il vandalo.

Si tratta di un giovane di 24 anni residente in Centro Valle d'Intelvi. Secondo gli elementi raccolti dai carabinieri le vittime deigli atti vandalici non si conoscevano tra di loro. Insomma, il giovane avrebbe agito solo per puro divertimento, ma solo il processo potrà spiegare le vere e proprie motivazioni che hanno spinto il giovane a compiere quei danneggiamenti. Per il mkomento è stato denunciato a piede libero per il danneggiamento di tre auto con il fuoco, due con i sassi e per l'incendio di una legnania.

Vandali in azione: il video

Non si tratta dell'unico vandalo che ha scosso la Val d'Intelvi. Nel settembre 2018 un gruppo di amici si divertiva a danneggiare le auto in sosta sul bordo delle strade. Almeno in un caso i loro vandalismi sono stati ripresi da una telecamera di sorveglianza. Il gruppo è stato individuato e denunciato: tre di loro all'epoca dei fatti erano minorenni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento