Vandalismo sulla "Maestà Sofferente": denunciati due giovani canturini

Incastrati da una telecamera di sorveglianza

Si sono presentati spontaneamente negli uffici della polizia locale di Cantù, nel pomeriggio di venerdì 4 ottobre 2019, i due giovani che la scorsa settimana hanno vandalizzato l'opera "Maestà Sofferente" di Gaetano Pesce, esposta in piazza Garibaldi a Cantù.

Un gesto scaturito anche dal fatto che i due erano stati ormai identificati dalle forze dell'ordine, sia attraverso le immagini delle telecamere presenti in piazza Garibaldi e nelle vie attigue sia con la diffusione di foto segnaletiche tra i gruppi di giovani da loro frequentati. La notifica degli atti di rito sarebbe stata infatti consegnata presso le loro abitazioni nel giro di poche ore. I due, invece, hanno anticipato tale formalità, nella speranza di poter alleggerire la propria posizione e quella di chi in un primo momento aveva dichiarato di non conoscerli.

Agli uomini del nucleo di Polizia Giudiziaria, i due giovani, entrambi canturini di venticinque anni, hanno quindi ammesso di aver danneggiato l'opera, affermando di averlo fatto in preda all'eccitazione dovuta a una serata di festeggiamenti in compagnia e chiedendo scusa all'intera comunità per il gesto. Uno dei ragazzi, aiutato dall'altro, si è arrampicato sulla scultura e dopo avere cercato di sfilare una delle frecce conficcate nell'opera l'ha stortata.
Gli indagati dovranno ora rispondere del reato di danneggiamento di cose di interesse artistico o storico, che prevede una pena da sei mesi a tre anni.

"Ancora una volta esprimo il vivo apprezzamento per l'azione celere e risolutiva della polizia locale - commenta l'assessore a Legalità e Sicurezza Maurizio Cattaneo -. A chi alimenta polemiche sugli investimenti, presenti e futuri, in videocamere, tra l'altro senza spese a carico del bilancio pubblico, mi piace che si risponda con i fatti".
"Continueremo a perseguire la nostra politica di investimenti in sicurezza attiva e passiva", conferma anche il sindaco Alice Galbiati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lomazzo, non esce dalla camera d'albergo: ragazza di 20 anni trovata in fin di vita

  • Scomparso da casa, ritrovato in fin di vita in un bosco a Villa Guardia

  • Dramma nel bosco a Rebbio: uomo trovato impiccato a un albero

  • Incidente a Camerlata: l'ex calciatore dell'Inter Cordoba si schianta con il Range Rover

  • Como, cerca di sedare una lite marito e moglie, ma lei lo colpisce in faccia con un bicchiere

  • Como, fermato con un assegno da 100 milioni prima della dogana

Torna su
QuiComo è in caricamento