Bruciata la targa che ricorda la fucilazione di Mussolini a Giulino di Mezzegra

E' stata posata dall'associazione partigiani nel 2012. Il sindaco Guerra: "Caccia ai colpevoli"

Taerga in memoria della fucilazione di Mussolini a Giulino di Mezzegra

Atto vandalico contro la targa, posta a Giulino di Mezzegra, che ricorda la fucilazione di Benito Mussolini avvenuta il 28 aprile 1945. Qualcuno, del quale attualmente si ignora l'identità, ha tentato di bruciarla. Martedì 12 settembre 2017 il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra, ha pubblicato su Facebook l'annuncio dell'avvenuto vandalismo commentando, così, quanto accaduto: "E' il cartello posato dall'Anpi qualche anno fa a Giulino di Mezzegra, in prossimita' del luogo della fucilazione di Mussolini. Bruciano i cartelli come bruciavano i libri, la libertà, le vite delle persone. I fascisti usano così. Ma non ci intimidiscono. Ci rendono solo più consapevoli di ciò che hanno rappresentato e rappresentano nella storia e nel presente di questo nostro Paese. Puliremo il cartello e denunceremo i delinquenti".

L'Anpi è l'associazione nazionale partigiani d'Italia. La targa è stata posata il 6 ottobre 2012. La fucilazione di Mussolini avvene su decisione del Comitato di liberazione nazionale alta Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni a Como con la famiglia: foto natalizia in piazza Duomo

  • Addio digitale terrestre, cambia tutto per i televisori: come attrezzarsi

  • Incidente mortale a Turate: la vittima è un pensionato di Gerenzano

  • Nutella Biscuits mania, svuotati supermercati di Como

  • Mercedes, via da Como per la Costa Azzurra: ufficialmente problemi di spazio

  • Altido Ama 18: arriva a Como il nuovo format per le vacanze smart

Torna su
QuiComo è in caricamento