Strage di Erba, per Azouz Marzouk Olindo e Rosa non sono colpevoli

Troppi elementi fanno pensare che siano innocenti. L'intervista a "Tutta la verità"

"Olindo Romano e Rosa Bazzi non sono colpevoli". Ne è convinto Azouz Marzouk, marito di Raffaella Castagna e padre del piccolo Youssef, trucidati insieme alla madre di lei, Paola Galli, e alla vicina di casa Valeria Cherubini, l'11 dicembre 2006 nel corso di quella che è diventata nota come "la strage di Erba".

Azouz, in un primo momento sospettato di essere l'artefice della mattanza di via Diaz, è convinto che non possano essere stati i coniugi Romano a sterminare la sua famiglia, a uccidere la vicina di casa e a ferire gravemente Alberto Frigerio, uno dei sopravvisssuti diventato, poi, testimone chiave del processo che ha condannato Rosa e Olindo.

A ripercorrere tuttele fasi del processo e a sviscerare tutti i dubbi che attanagliano non solo Azouz Marzouk ma anche i legali della difesa, da sempre sostenitori dell'innocenza di Olindo e Rosa, sarà la trasmissione "Tutta la verità" in onda il 10 aprile 2018 sul Nove. Sarà lo stesso Marzouk a spiegare i suoi dubbi e perché, secondo lui, i coniugi tuttora in carcere non possano essere i responsabili della strage. Troppe incongruenze tra gli elementi del processo, dall'altezza di Olindo e Romano a quelle ferite precise, eseguite con una particolare tecnica al collo di ciascuna delle vittime.

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

  • Como, ubriaca in pieno giorno: giovane donna soccorsa in piazza Cavour

Torna su
QuiComo è in caricamento