Spacciavano la potente shaboo tra Como, Monza e Modena: 6 arresti

Maxi operazione dei carabinieri all'alba

I carabinieri di Como, con la partecipazione di colleghi di Modena, hanno arrestato su ordine del gip del tribunale di Monza 6 persone (5 filippini e un nigeriano) tra le province di Como, Milano e Monza. Per cinque di loro si sono aperte le porte del carcere, mentre uno è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

La droga sequestrata: il video

I reati contestati agli arrestati sono concorso in produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope. In pratica i sei avevano creato un "laboratorio" di produzione di shaboo. Si tratta di una sostanza sintetica costituita da cristalli di metanfetamina cloridrato che si assume in piccolissime dosi dal costo altissimo (una dose, dal peso di 0,1 gr, costa 100 euro) e provoca fin da subito effetti devastanti sul corpo e sulla mente, causando immediata dipendenza.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La shaboo, chiamata anche crystal meth, è considerata una droga etnica, perchè particolarmente diffusa nelle comunità cinesi e filippine in Italia. L’operazione di questa mattina 7 ottobre 2019 è il seguito di 2 arresti eseguiti su ordine dell’autorità giudiziaria di Como nel mese di giugno per lo stesso reato. Nel corso del blit odierno sono stti seuestrati 50 grammi di shboo, uantità che sul mercato dello spccio vrebbe potuto fruttare fino a mezzo milione di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

Torna su
QuiComo è in caricamento