Spaccio nei boschi, arrestate due "vedette" a Locate Varesino

Un italiano e un ucraino senza fissa dimora

Carabinieri perlustrano un bosco dello spaccio (foto repertoria)

Sono finiti in carcere un ucraino di 48 anni e un italiano di 38, entrambi senza fissa dimora, sorpresi nei boschi di Locate Varesino mentre facevano da "vedette" per gli spaciatori magrebini che gestiscono lo smercio di sostanze stupefacenti in quell'area. 
I carabinieri di Mozzate sono intervenuti con un blitz in quel bosco martedì 31 ottobre 2017 riuscendo a cogliere in flagranza di reato i due uomini. Tra l'altro l'ucraino nascondeva addosso una dosse di eroina. Inoltre, i due sono accusati non solo di essere due "vedette" ma anche di spacciare materialmente la droga per conto dei pusher magrebini. Nel corso del blitz i carabinieri hanno recuperato una dose appena venduta ad un consumatore tossico dipendente che è stato, tra l'altro, segnalato alla prefettura di Como come assuntore di soatnze stupefacenti. 
L'ucraino è stato denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale. Entrambi gli arrestati hanno precedenti penali. L'italiano era stato già arrestato a Verbania per spaccio e su di lui pendeva già una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di quella città lo scorso 5 ottobre. Tutti e due si trovano al carcare Bassone di Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sull'autostrada A4: è morto Cesare Coquio di Uggiate Trevano

  • A Como arriva Decathlon: ecco come sarà

  • Persona investita dal treno a Lugano Paradiso

  • Dalla Nasa all’apicoltura: il sogno di due ricercatori comaschi salverà il pianeta

  • Il panino più caro d'Italia è sul Lago di Como

  • Pessime condizioni igieniche, la polizia chiude un locale di piazza San Rocco a Como: è la seconda volta

Torna su
QuiComo è in caricamento