Uccide una donna in Francia, senzatetto arrestato a Como grazie al wifi della Caritas

La Squadra Mobile lo ha rintracciato in via Primo Tatti

Un uomo di 40 anni, francese senza fissa dimora, è stato arrestato a Como per avere ucciso la compagna a Melun, in Francia. L'omicidio è avvenuto il 21 aprile 2019. La donna, 50 anni, è stata trovata morta nella sua abitazione. Le indagini partite dalla magistratura francese hanno condotto fino a Como.

Le indagini

L'autopsia sul cadavere della donna ha dimostrato che la causa della morte erano state le violente percosse subite. Le forze dell'ordine francese hanno immediatamente raccolto elementi che comprovavano il coinvolgimento del compagno della donna uccisa, anch'egli di nazionalità francese. Le indagini per rintracciarlo, però, si sono rivelate complesse ma alla fine l'uomo ha commesso un rrore: ha creato una pagina Facebook. Per gli inquirenti è stato facile risalire all'ip dal quale l'uomo si era collegato. Dunque, il tribunale di Melun ha emesso un ordine di arresto europeo e la competenza è passata alla Procura di Milano.

L'arresto

La Squadra Mobile della Questura di Como ha individuato il wifi pubblico dell'ip dal quale l'uomo si era collegato per connettersi a Facebook. Si tratta del wifi della Caritas di COmo, in zona via Primo Tatti, dove c'è la mensa per i senzatetto frequentata dall'uomo. Successivamente gli agenti hanno rintracciato l'ip dell'apparecchio tecnologico che l'uomo aveva utilizzato per collegarsi al wifi. Alla fine il cerchio si è stretto intorno al fuggitivo e sono scattate le manette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Nuova stella Michelin per Vincenzo Guarino de L'aria di Blevio

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e sul lago

  • I 6 negozi dove acquistare le più belle decorazioni per Natale

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento