Rapina sul treno a Como: denunciati tre migranti minorenni ospiti del centro di accoglienza

I ragazzi rapinati sono anch'essi minorenni residenti in Ticino

Alcuni ragazzini svizzeri, minorenni, sono stati rapinati a bordo treno proveniente da Milano e diretto a Como San Giovanni. E' accaduto sabato 3 febbraio 2018. I rapinatori erano anche loro ragazzi minorenni, tutti extracomunitari ospiti dei centri di accoglienza di Como, tra i quali il centro di via Regina Teodolinda. I tre migranti dopo essersi fatti consegnare un magro bottino hanno obbligato i giovani svizzeri a scendere alla fermata di Albate mentre loro hanno proseguito a bordo del treno fino alla fermata di Como San Giovanni dove sono scesi pensando di averla fatta franca.

I ragazi ticinesi, però, hanno immediatamente allertato le forze dell'ordine. Gli agenti della polizia della Questura di Como hanno avviato immediatamente le indagini. Anche grazie all'ausilio delle telecamere di sorveglianza la polizia è riuscita a individuare i giovani rapinatori che sono stati denunciati anche grazie al riconoscimento effettuato dai ragazzi rapinati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso anche a Lecco: non è grave

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento