Hanno rapinato un punto scommesse di Como: arrestati

La rapina risale al 2 gennaio ed è stata compiuta al punto Snai di piazza della Tessitrice

Le forze dell'ordine sono riuscite a rintracciare e ad assicurare alla giustizia due giovani malviventi che nel tardo pomeriggio del 2 gennaio 2019 hanno rapinato il Punto Snai di piazza della Tessitrice a Como. Si tratta di due marocchini di 23 anni con cittadinanza italiana che hanno tentato di far perdere le loro tracce dopo la rapina.

Dopo aver giocato alle macchinette videopoker per alcune ore hanno aspetato che il titolare del centro scommesse uscisse dal suo ufficio per chiudere il negozio. A quel punto uno dei due lo ha afferrato ad un braccio e lo ha immobilizzato mentre l'altro ha afferrato i soldi dalla cassa (il bottino ammontava a 3.900 euro). Dopo averlo minacciato dicendo di non chiamare la polizia e facendo capire di essere armati sono fuggiti.

I poliziotti della squadra volanti intervenuti sul posto dopo essere stati chiamati dal titolare dell'attività di scommesse hanno estrapolato le immagini delle videocamere di sorveglianza riuscendo a identificare i due rapinatori grazie ad alcuni utili frame. Immediatamente sono state diramate le informazioni a tutte le forze dell'ordine anche mediante l'inserimento nella banca dati di tutti gli organi di polizia, compresi quelli internazionali. Per il giudice per le indagini preliminari gli elementi raccolti dalla polizia della Questura di Como sono stati sufficienti per spiccare il 23 gennaio due mandati di arresto.

Si è scperto che uno dei due rapinatori è stato nel frattempo arrestato in Germania per un'altra rapina. Il complice, invece, è stato fermato il 27 gennaio alla dogana di Ponte Chiasso mentre cercava di rientrare in Italia dalla Svizzera. Fondamentale la collaborazione tra la squadra Volanti e la polizia di frontiera.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Levargli subito la cittadinanza e fuori dalle palle. Già abbiamo quelli nostrani che sono d’avanzo

  • E adesso andrebbe tolta loro la cittadinanza italiana. Feccia del genere è meglio se ne ritorni al loro amato Paese d'origine. Di gradite risorse ne abbiamo gia troppe!

Notizie di oggi

  • Scuola

    Piazza, parcheggio e aula magna: il progetto dell'Insubria per riqualificare l'università di via Valleggio

  • Attualità

    "Furbetti" delle multe non pagate in Svizzera, in Ticino scoppia il caso: l'81% sono italiani

  • Cantù

    A Cantù un caffè contro le mafie: manifestazione in piazza Garibaldi per rompere il silenzio

  • Segnalazioni

    Topi giganti alla stazione di Grandate: degrado nell'ex trattoria

I più letti della settimana

  • Giovane uomo trovato morto a Porlezza vicino al Municipio

  • Como, obbligava la figlia a dimagrire: "Fai schifo, sei grassa". Madre denunciata

  • Cucine da incubo a Cavallasca: Cannavacciuolo arriva a El Paso Ranch

  • Immersione nel Lago di Como, le immagini dal Cristo degli Abissi

  • Diretta video dal Cristo degli abissi: un sub si immerge nel lago più profondo d'Italia

  • "Paga o diciamo tutto alla tua famiglia": un trans e suo marito arrestati per estorsione a Inverigo

Torna su
QuiComo è in caricamento