Rapina alle Poste di Cagno: è la prima volta

Cagno, rapina alle poste: è la prima volta nella storia del piccolo Comune. Mercoledì 7 dicembre poco dopo le 12.30 un uomo, con il volto coperto in parte da un cappellino, ha svuotato le casse dell'ufficio postale facendosi consegnare in tutto...

Cagno, rapina alle poste: è la prima volta nella storia del piccolo Comune. Mercoledì 7 dicembre poco dopo le 12.30 un uomo, con il volto coperto in parte da un cappellino, ha svuotato le casse dell'ufficio postale facendosi consegnare in tutto circa mille euro sotto la minaccia di una pisto (forse un'arma giocattolo). Sotto choc le due dipendenti, entrambe di 49 anni, presenti al momento della rapina. Per loro è dovuta intervenire un'ambulanza del Sos di Olgiate Comasco. Le due donne, tuttavia, stanno bene e non sono state trasportate al pronto soccorso.

Il rapinatore è stato visto fuggire iin sella a una moto guidata da un complice che lo attendeva fuori dalla Posta. I carabinieri di Olgiate Comasco, allertati immediatamente dopo la rapina, hanno attivato tutte le misure necessarie per individuare i colpevoli, tra le quali anche i posti di blocco. I due malviventi, però, sono riusciti a dileguarsi. Ora i militari stanno verificando la presenza di tracce e impronte lasciate dal rapinatore che potrebbero rappresentare indizi preziosi per rintracciare lui e il suo complice.

Come detto, questa è la prima rapina nella storia delle poste di Cagno. Anche per questo l'episodio ha fatto e sta facendo parlare molto il paese. La gente di Cagno, abituata a vivere in un paese abbastanza tranquillo dal punto di vista della criminalità, è adesso un po' preoccupata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento