Rapina in banca a Carate Urio: arrestato un uomo

La rapina era avvenuta lo scorso maggio. Il rapinatore ripreso dalle telecamere di videosorveglianza

I Carabinieri della Stazione di Cernobbio hanno arrestato questa mattina, mercoledì 14 agosto 2019, un 67enne di Cantù accusato di essere l'autore di una rapina avvenuta nella filiale della Banca Popolare di Sondrio di Carate Urio lo scorso 23 maggio 2019.

Quella mattina di maggio, intorno alle ore 10, un uomo armato di pistola, indossando un cappellino e un foulard sul volto, si era introdotto nella filiale della banca di Carate Urio, in via Vecchia Regina, e, dopo aver minacciato il cassiere con la pistola, si era fatto consegnare il denaro contenuto nel cassetto, circa 300 euro, per poi darsi alla fuga.

Da qui le indagini dei Carabinieri, con acquisizione dei filmati registrati dalle telecamere di video-sorveglianza poste all'interno e all'esterno della filiale bancaria, dalle quali si è poi scoperto che l'uomo era sopraggiunto in bicicletta e che, prima del colpo, aveva effettuato tre sopralluoghi in sequenza, cambiandosi d'abito ogni volta. Sempre dalle telecamere è stato possibile ricostruire anche il fatto che, dopo la rapina, l'uomo era fuggito in bicicletta in direzione Laglio.

A seguito delle indagini, quindi, l'autorità giudiziaria ha autorizzato una perquisizione personale e locale nei confronti dell'uomo arrestato oggi; perquisizione durante la quale sono stati ritrovati gli stessi abiti indossati dal rapinatore nelle immagini delle telecamere. Si è quindi proceduto all'arresto dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Nuovo supermercato in arrivo a Cernobbio

  • Incidente a Lurago d'Erba: morta donna di 36 anni

  • Droga: scoperta fitta rete di spaccio fra i giovanissimi della Como bene

Torna su
QuiComo è in caricamento