Cantù, violenza sessuale di gruppo su una 16enne, fermato il branco: 5 arresti, due sono minorenni

Sono accusati anche di sequestro di persona, lesioni personali e produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti

Repertorio

Violenza sessuale di gruppo su una minorenne in una casa del Canturino. Per questo cinque persone, di cui 3 maggiorenni e 2 minorenni, sono state arrestate all'alba di giovedì 28 febbraio 2019 dai carabinieri della Compagnia di Como, con il supporto di quelli di Cantù. I provvedimenti di custodia cautelare in carcere sono stati emessi dal Tribunale di Como e da quello dei Minorenni di Milano.
ll reato contestato è quello di concorso in violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona, lesioni personali e produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti (solo per i due minorenni).
Gli arrestati sono due albanesi di 20 anni e un marocchino di 19, e due minorenni, uno albanese e uno marocchino.  

La violenza

I particolari sono stati resi noti dai carabinieri in una conferenza stampa. Il fatto è avvenuto il 14 luglio 2018 in una casa del canturino di proprietà di uno degli arrestati maggiorenni: qui nel pomeriggio si sono incontrati i 5 arrestati, amici tra loro, e hanno invitato quattro amiche, italiane, tutte minorenni. I ragazzi erano alticci per la droga e l'alcol assunti. La marijuana, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, era stata portata dai due minori che l'hanno anche offerta alle ragazze che però hanno rifiutato. 
Presto la situazione è degenerata: i ragazzi hanno chiuso a chiave la porta di casa impedendo alle ragazze di uscire, minacciandole che se si fossero ribellate le avrebbero defenestrate. Poi hanno concentrato le loro attenzioni perverse su una delle ragazze, una 16enne. Gli atti di violenza sessuale di gruppo sono consistiti in palpeggiamenti e, al rifiuto della ragazza, l'hanno morsicata in più parti del corpo.

Non si è trattato di dinamiche di baby gang, hanno sottolineato i carabinieri, ma di fenomeno di branco. Una violenza che ha spinto il giudice per le indagini preliminari a scrivere che "gli indagati hanno agito come un gruppo di animali e che come animali hanno brancato e aggredito le loro prede".

Le ragazze sono riuscite ad uscire dalla casa solo dopo 3 ore di incubo.

Le indagini e gli arresti

L'episodio è stato riferito ai carabinieri della stazione di Rebbio che hanno avviato le indagini e raccolto gli indizi che hanno portato l'autorità giudiziaria ad emanare i provvedimenti.

Gli arrestati si trovano in carcere: due al Bassone e uno a Varese (i maggiorenni), nel carcere Beccaria di Milano i minorenni.
Uno dei minori e un maggiorenne avevano qualche precedente per spaccio e consumo di droga. Tutti provengono da famiglie normali, senza precedenti.

Gli arresti sono stati eseguiti dai carabinieri di Como e Cantù con il supporto dei militari di Pavia e Stradella dove si trovava uno degli arrestati.

Un nuovo terribile episodio, dopo quello della baby gang di Como, che coinvolge dei giovanissimi.

In serata il commento dell'assessore regionale alle Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale Riccardo
De Corato.

Foto - La conferenza stampa dei Carabinieri

carabinieri donvito ilari maggio-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, consulente immobiliare scomparso: Ricardo trovato senza vita

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

  • Mascherine gratuite in Lombardia, a Como 178mila

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Violenza sul bus da Como a Cantù: aggrediscono una donna e prendono a bottigliate un uomo

  • La Finanza multa due ragazzi che pescano ad Argegno e un uomo che dà da mangiare alle anatre a Como

Torna su
QuiComo è in caricamento