Sfruttamento della prostituzione in provincia di Como: sgominata banda di albanesi

In manette 23 persone che sfruttavano ragazze dell'est europeo

23 persone arrestate per sfruttamento aggravato della prostituzione dalla Squadra Mobile di Milano: è il bilancio di una complessa indagine che ha coinvolto le province di Como e di Monza e Brianza, dove sono residenti gli indagati. La Squadra Mobile di Milano giovedì 13 settembre 2018 (ma la notizia è stata resa nota venerdì dal Procuratore della Repubblica Nicola Piacente) ha dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Como, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 22 uomini di nazionalità albanese e una donna di nazionalità romena, residenti nella provincia di Monza Brianza e nella provincia di Como (alcuni di questi titolari di foglio di soggiorno). Alcune delle persone destinatarie del provvedimento coercitivo risultano latitanti. 

Le accuse

Gli indagati sono accusati di sfruttamento aggravato della prostituzione (esercitata in varie località quali Arosio, Lentate sul Seveso, Bregnano, Cermenate, Figino Serenza, Vertemate con Minoprio, Mariano Cornense), nei confronti di oltre venticinque ragazze per lo più di nazionalità albanese, nonché bulgara, moldava, polacca, romena, ungherese. Tre degli indagati sono anche accusati di detenzione di un'arma. Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato l'equivalente di circa 25mila euro.

Le indagini

 In base a quanto emerso dalle indagini, attraverso una capillare attività di intercettazione telefonica e di appostamento e pedinamento svolta dalla squadra Mobile di Milano (nessuna delle ragazze sfruttate ha formulato accuse nei confronti delle persone denunciate), ciascun indagato sfruttava il meretricio di una o più ragazze (due indagati controllavano l'attività di prostituzione pur essendo detenuti rispettivamente presso la Casa Circondariale di Monza e la casa di reclusione di Opera). 

Secondo quanto ricostruito dalla polizia le ragazze venivano controllate a vista durante la loro attività e con continue telefonate ed sms. Gli indagati andavano a riprenderle presso il luogo dove le ragazze si prostituivano per riportarle a casa ed erano sempre loro ad accompagnarle a casa di clienti con cui alcune abitualmente si prostituivano. 
La banda provvedeva alle esigenze delle ragazze durante la prostituzione in strada, le istruiva sull'atteggiamento da tenere per adescare un numero maggiore di clienti, controllando che non si intrattenessero troppo a lungo con questi ultimi, precludendosi ulteriori possibilità di guadagno (i proventi della prostituzione dovevano poi essere corrisposti agli indagati) e pregiudicando, pertanto, i proventi dell'attività. Se le ragazze si allontanavano dalla postazione in cui si prostituivano senza permesso venivano rimproverate con gravi minacce. Se i guadagni erano inferiori alle aspettative veniva rinfacciato loro, sempre minacciandole, scarso impegno. Le ragazze erano costrette a prostituirsi anche quando non stavano bene e spesso nei loro confronti venivano esercitate forme di violenza fisica.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • A prescindere dai riti voodoo, in ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali ed ad una certa tarda ora di notte, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Notizie di oggi

  • Cantù

    Spaccio di droga a Cantù: arrestati due pusher nel parcheggio delle case popolari

  • Rebbio

    Striscione all'oratorio di Rebbio, lettera di Don Giusto a Forza Nuova: "Grazie per avermi ricordato gli obiettivi su cui lavorare"

  • Economia

    MediaWorld, la nuova sede di Lipomo verrà inaugurata a metà novembre

  • Rebbio

    Ragazza aggredita con un pugno davanti al cimitero di Rebbio

I più letti della settimana

  • Il "miracolo" dei carabinieri: Milano-Como (e ritorno) in 40 minuti con la supercar per portare tre organi da trapiantare

  • Incidente a Como, auto esce di strada e vola fuori dalla Napoleona: due ragazzi feriti

  • Morto Riccardo Rovelli di Inverigo, il ragazzo caduto in montagna a Lezzeno

  • Ligabue a Como, birra a sorpresa al Pura Vida

  • Punta un coltello contro una donna seduta al bar: arrestato in centro storico a Como

  • Tutto il programma del fidanzamento indiano: non solo Villa Olmo, coinvolti anche il Teatro Sociale, Villa Balbiano e Villa Gastel

Torna su
QuiComo è in caricamento