Polizia impegnata nel comasco contro furti, spaccio, prostituzione, immigrazione clandestina

L'operazione in tutta la provincia. Controlli su strade e nei locali

A quasi un anno dalla sua attuazione, continua a dare risultati l’attività straordinaria di controllo del territorio, avviata dal prefetto di Como Ignazio Coccia, già dal novembre dell'anno passato. Lo scopo è quello di prevenire i principali fenomeni criminali che si realizzano sul territorio comasco, con particolare attenzione a quelli che preoccupano di più i cittadini, quindi i reati di furto, contro la persona o contro le abitazioni, lo spaccio di droga, la prostituzione e il controllo della regolarità dei cittadini stranieri sul territorio italiano.

Anche nella settimana che si va concludendo, quella dal 12 al 18 ottobre, la polizia di Como ha continuato a effettuare controlli, e con lei hanno collaborato il Reparto di prevenzione del crimine della Polizia di Stato, la Compagnia di intervento operativo dell'Arma dei Carabinieri e il Reparto di pronto impiego e antiterrorismo della Guardia di Finanza. Anche la Polizia Stradale e quella Locale sono state coinvolte nelle operazioni e ovviamente spesso sono stati utilizzati cani dell'unità cinofila.

I comuni interessati da questo servizio sono stati veramente tanti, soprattutto i più popolosi della provincia, come Erba, Cantù, Olgiate, Mozzate, Fino Mornasco e molti altri. L'operazione è stata condotta a partire dal pattugliamento delle principali vie di collegamento e delle aree storicamente maggiormente interessate dai fenomeni criminali. Sono stati prevalentemente controllati i veicoli in transito, ma anche gli esercizi pubblici.

Durante questa settimana sono state rilevate infrazioni stradali, adottati 7 provvedimenti di espulsione con ordine di abbandono del territorio dello Stato per cittadini stranieri non in regola col permesso di soggiorno; la polizia ha poi arrestato due persone: una per detenzione di stupefacenti e l'altra per resistenza. Altri tre soggetti sono stati segnalati all'autorità per possesso di stupefacenti per uso personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz nella notte a Camerlata, il simbolo della Pace al posto di quello della Lega Lombarda

  • Como, dramma in via Leoni: trovata una donna morta

  • Monet, Cézanne, Renoir, Gauguin e Van Gogh: a Lugano arrivano i capolavori della collezione Emil Bührl

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Como, donna morta in auto sotto casa del compagno: forse l'abuso di alcol la causa

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

Torna su
QuiComo è in caricamento