Pizza ai senzatetto, da Milano a Como l’iniziativa di solidarietà di un ristoratore lariano

Dopo l’esperienza a Milano, Claudio Caputo, titolare di una catena di pizzerie, porta anche in città la "pizza solidale"

I volontari della "pizza solidale" con i senzatetto a Milano

Arriva anche a Como la "pizza solidale" per i senzatetto della città. A portare sul Lario questa iniziativa di solidarietà è Claudio Caputo, ristoratore 31enne di Bregnano, titolare di una catena di pizzerie attive tra le province di Como, Milano e Monza Brianza.

La prima esperienza comasca di quello che accade già da tempo a Milano è stata nella notte di venerdì 13 aprile 2018: finito il servizio in pizzeria, Caputo e altri 4 collaboratori sono arrivati a Como verso mezzanotte, "armati" di borse termiche per tenere al caldo il cibo, e si sono messi all'opera. 
Con gentilezza hanno avvicinato alcuni clochard che avevano trovato riparo sotto i portici dell'ex chiesa di San Francesco in largo Spallino e hanno offerto le pizze calde che avevano preparato e portato con sè. Un pezzo di pizza e quattro chiacchiere, quanto basta per fare sentire un po' di calore a queste persone. Poi hanno fatto un giro in città murata, offrendo la pizza ad altri clochard incontrati nella zona del Duomo. Circa 30 le pizze servite.

Le esperienze di Milano e Ceriano Laghetto

"A Milano - spiega Caputo - facciamo un servizio attivo, tutti i venerdì sera: ci muoviamo nelle zone del Duomo, stazione Centrale e Niguarda, dove sappiamo che si rifugiano queste persone. Oltre alle pizze portiamo anche abbigliamento che raccogliamo tramite passaparola, qualche dolce, il cibo per i cani che spesso fanno compagnia ai senzatetto. 
A Ceriano Laghetto, invece, in provincia di Monza e Brianza, la pizza la offriamo ogni martedì a 3 famiglie bisognose diverse, indicateci dal comune.

Perchè lo faccio? Perchè - spiega Caputo -arrivi a un punto della vita in cui devi condividere ciò che raccogli. Noi non siamo un'associazione - chiarisce- non chiediamo nulla, nè fondi nè sponsorizzazioni. E' solo un atto di solidarietà".

Como e il caso della colazione vietata per i senzatetto

"Eravamo al corrente della questione senzatetto a Como e di quanto accaduto nel periodo natalizio - prosegue, in riferimento al caso, diventato poi nazionale, dei volontari allontanati dalla polizia locale perchè servivano la colazione ai senzatetto, proprio sotto i portici di San Francesco, in seguito all'ordinanza anti accattonaggio emanata dal sindaco Landriscina - il primo cittadino può avere ragione sul fatto dell'accattonaggio molesto, ma ci sono persone che sono in difficoltà e devono essere aiutate in qualche modo, con condivisione, calore o semplicemente parlando. Non penso debba essere vietato a nessuno".  

Claudio Caputo annuncia la volontà di tornare a Como per ripetere l'iniziativa. E lancia l'idea di una collaborazione anche ai ristoratori della città: "Se qualcuno volesse affiancarci, ben venga". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Tatiana Ortelli, la ragazza morta nell'incidente in via per Cernobbio

  • Eupilio: si cerca Mattia Gandola nel lago, forse annegato

  • Incidente via per Cernobbio, arrestato il ragazzo alla guida per reato stradale: aveva bevuto troppo

Torna su
QuiComo è in caricamento