Ponte Lambro, picchia la moglie con un bastone: il figlio di 9 anni lo fa arrestare

Il bambino spaventato ha chiamato i carabinieri

Repertorio

Una violenta lite familiare che poteva finire nel peggiore dei modi se non fosse stato per il coraggio di un bambino di soli 9 anni che ha chiamato i carabinieri per chiedere aiuto. E' successo nella serata di giovedì 15 marzo 2018 a Ponte Lambro.
Il piccolo stava assistendo impotente alle violenze del padre sulla madre: l'uomo, un 48enne, al culmine di un litigio ha aggredito violentemente la moglie, picchiandola anche con un bastone. Il figlio della coppia, terrorizzato, ha preso il telefono e ha chiamato i carabinieri. 
Nell'abitazione sono intervenuti subito i militari della stazione di Erba: quando i carabinieri hanno bussato alla porta intimando di far cessare l'aggressione, l'uomo li ha minacciati con una siringa per farli allontanare. 
I carabinieri sono riusciti a disarmarlo e bloccarlo portandolo in camera di sicurezza.
L'uomo è stato arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e maltrattamenti in famiglia. 
Venerdì 16 marzo l'uomo è stato processato con rito direttissimo al Tribunale di Como: ha ottenuto il rinvio del processo per concessione dei termini a difesa, ma fino all'udienza nel frattempo rimarrà nel carcere del Bassone in custodia cautelare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

Torna su
QuiComo è in caricamento