Dongo, in casa una piantagione di marijuana e 2 chili di droga: arrestato

In manette un 27enne del paese

La marijuana e le piante sequestrate a Dongo

Da un semplice controllo al sequestro di un ingente quantittivo di marijuana oltre a una piantagione di canapa indiana. E' successo a Dongo nella tarda mattinata di giovedì 28 giugno 2018.
Protagonista un 27enne del paese, A.S. le sue iniziali, fermato dai carabinieri mentre era in auto per un semplice controllo: in macchina i militari gli hanno trovato una piantina di canapa indiana. 

Le perquisizioni

I carabinieri hanno quindi perquisito due case, quella in cui l'uomo risultava residente anagraficamente e quella dell'effettivo domicilio. In una delle due abitazioni i militari hanno trovato e sequestrato 2,056 chili di marijuana, parte della quale già suddivisa e confezionata in dosi pronte per essere vendute, oltre a strumenti di precisione per la pesatura e il confezionamento dello stupefacente.

Nell'altra casa, a Dongo, hanno trovato una vera e propria piantagione di canapa indiana, con 22 piante di grosse dimensione, delle quali 12 addirittura in fioritura. 

L'arresto

Il 27enne è stato arrestato per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti e nella mattinata di venerdì 29 giugno andrà a processo con rito direttissimo presso il Tribunale di Como. 

L'operazione, che ha portato all'eliminazione di un importante canae di produzione e smercio di droga nell'area dell'Alto Lago rientra in un piano dei carabinieri di Menaggio per il controllo del territorio soprattutto in concomitanza con il notevole afflusso turistico estivo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Tragedia sui monti di Sorico: cacciatore morto per prendere un cervo

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Incidente a Mariano Comense: morto un motocilista di 53 anni

  • Incidente a Como: una persona incastrata fra le lamiere

  • Como, la celebrazione dell'impresa di Fiume scatena le polemiche

Torna su
QuiComo è in caricamento