Pass per la Ztl: 400 alle Canossiane. Il sindaco: "Situazione da rivedere"

Oltre ai 4.600 permessi per la Ztl di Como rilasciati a residenti del centro storico, commercianti, associazioni e a varie categorie come i medici, ce ne sono altri ben 400 (secondo quanto comunicato dall'assessorato alla Viabilità del ) che sono...

ztl

Oltre ai 4.600 permessi per la Ztl di Como rilasciati a residenti del centro storico, commercianti, associazioni e a varie categorie come i medici, ce ne sono altri ben 400 (secondo quanto comunicato dall'assessorato alla Viabilità del ) che sono stati rilasciati ai genitori degli alunni che frequentano le scuole delle Canossiane in via Balestra. Questi permessi, a dire il vero, sono scaduti con la fine dell'anno scolastico poiché la loro funzione era quella di consentire la sosta temporanea per le auto che andavano a prendere i bambini all'uscita di scuola. tante le auto, quindi, che all'orario di fine lezione sostavano in zona a traffico limitato, potendovi accedere anche attraverso la corsia preferenziale di via Sauro. Il sindaco di Como Mario Lucini ha commentato: "Anche questa è una situazione che andrà rivista quando riorganizzeremo il sistema e le modalità di rilascio dei permessi per accedere in Ztl". La nuova ordinanza è attesa per settembre. Lucini non ha detto se e di quanto verranno ridotti i cosiddetti pass delle Canossiane, anche perché la situazione è ancora in fase di verifica e si deve ancora concludere il confronto tra l'amministrazione comunale e le varie categorie e realtà cittadine che fino ad oggi godevano sistematicamente del rilascio dei permessi per la Ztl. Quello che sembra certo è che il numero di 400 pass per Canossiane sarà comunque ridotto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento