Omicidio di Veniano, arrestato l'aggressore di Hans

Avrebbe reagito con violenza per pochi schizzi d'acqua

Carabinieri sul luogo dell'omicidio a Veniano

C'è un arresto per l'omicidio di Veniano, avvenuto nella tarda serata di domenica 16 giugno 2019.
Avrebbe ucciso per motivi davvero futili, per un diverbio scaturito da alcuni schizzi d'acqua da una fontanella: per questo Gabriele Luraschi, 47 anni di Fenegrò, avrebbe accoltellato a morte Hans Junior Krupe, 25 anni durante la festa del paese a Veniano.

Per lui, fermato nella notte, è scattato l'arresto per il reato di omicidio e porto abusivo di arma bianca da parte dei carabinieri del Nucleo Operativo di Cantù e della Stazione di Appiano Gentile, in collaborazione con la Stazione di Fino Mornasco.

Le indagini

Subito dopo il ferimento, gli investigatori hanno avviato immediatamente le indagini che hanno consentito di individuare il presunto aggressore, mediante l’analisi dei sistemi di video-sorveglianza della zona, nonché attraverso l’ascolto di testimoni. Luraschi dopo l'omicidio avrebbe ammesso spontaneamente le proprie responsabilità: allontanatosi dal luogo del delitto, è stato trovato dai carabinieri presso la propria abitazione con i vestiti ancora sporchi di sangue, ora sotto sequestro. Ritrovata anche l'arma, un coltello a serramanico, anch’essa sporca di sangue e sequestrata. 

Video: il luogo dell'omicidio di Hans Junior Krupe a Veniano

I motivi del delitto

Davvero futili, come detto, i motivi dell'omicidio: secondo le prime ricostruzioni sarebbero da ricondurre ad un diverbio scaturito tra Luraschi e il 25enne accoltellato: quest'ultimo avrebbe importunato il 47enne, anche gettandogli addosso dell’acqua nei pressi di una fontanella.
La vittima è stata colpita con più fendenti, di cui uno al fianco. Il 47enne è stato portato al carcere Bassone di Como in attesa di giudizio di convalida.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, tragedia all'alba: ragazzo trovato in fin di vita sulla strada muore in ospedale

  • Il dramma di Gaetano Banfi, il ragazzo di Rebbio morto in strada

  • Il colosso Zara apre a Como for&from: commessi disabili per un negozio senza barriere

  • Dongo, cane ammazzato e buttato nel lago con un cappio al collo: è caccia al responsabile

  • Le 10 migliori pizzerie di Como (e dintorni)

  • Criminale sfortunato, va a processo per evasione ma due vigili lo riconsocono anche per un altro reato

Torna su
QuiComo è in caricamento